Giovani, armati e incappucciati rapinavano gioiellerie: sgominata banda a San Severo

Nove gli arresti, anche quelli della Banda della Stilo. Colpi da professionisti senza mai esplodere un colpo. Il bottino ogni volta veniva portato a casa e diviso: 1milione di euro in tre casi accertati

Gli arrestati

Giovani, determinati e armati fino ai denti. Sono i membri della banda - un vero e proprio gruppo organizzato secondo gerarchie e compiti precisi - che ha seminato il terrore a San Severo e non solo, mettendo a segno alcune rapine a mano armata ai danni di due gioiellerie e una tabaccheria (questi i casi fino ad ora accertati) nel giro di pochi mesi.

Colpi in grande stile, non solo per la dinamica delle rapine - da professionisti: azioni “pulite”, senza mai esplodere un colpo - ma anche per il bottino ogni volta veniva portato a casa e diviso. "La giovane età dei soggetti  - ha spiegato il capo della mobile, Giuseppe Annicchiarico - non ha impedito loro di creare una solida organizzazione criminale basata sull'uso delle armi, dimostrando una pervicacia e una determinazione del mettere a segno questi colpi, tale da costituire materia di scuola per il loro futuro: crediamo, infatti, che si stessero preparando per il salto di qualità".

Nel complesso, gli inquirenti hanno stimato un danno, patito dai commercianti vittime del gruppo, pari ad 1milione di euro in preziosi e monili in oro. Le indagini sono state condotte in modo congiunto dagli uomini della squadra mobile di Foggia, del commissariato di San Severo e dall'Arma dei Carabinieri, che questa mattina hanno eseguito una misura cautelare della custodia in carcere a carico di 9 soggetti di San Severo ritenuti, a vario titolo, responsabili di tre distinti episodi di rapina compiuti ai danni di due gioiellerie e di una rivendita di tabacchi, avvenuti rispettivamente l’8 maggio, il 3 giugno e il 13 settembre 2013.

Nel primo caso, cinque rapinatori con il volto coperto con caschi e maschere e armati di pistola, sono riusciti a rapinare gioielli e preziosi, per un valore di oltre 500mila euro all’interno della gioielleria “Follie d’oro” di via Zannotti, a San Severo. Poco meno - 490mila euro -  il bottino della seconda rapina, consumata a Termoli ai danni della gioielleria “Oro gamma” del centro commerciale Carrefour. L’ultima rapina, invece, quella del 13 settembre, ha fruttato 21mila euro, sottratti da una rivendita di tabacchi in viale 2 Giugno, a San Severo.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica, hanno consentito di raccogliere elementi accusatori nei confronti Ernesto Moreno Di Matteo, di 24 anni, dei fratelli Giovanni e Michele Russi, di 21 e 30 anni e della loro madre Celestina De Cesare di 50 anni. Insieme a loro, anche Alessandro e Federico Colapietra, di 21 e 19 anni, Daniele Guerrieri di 25, Raffaele Bonavenura di 21 e Maurizio Cologno di 43.

Dalle indagini è emerso un vero e proprio un sodalizio criminale di carattere associativo, dotato di armi da fuoco, finalizzato alla commissione dei delitti di rapina e ricettazione. Degli arrestati di questa mattina, anche i quattro membri della cosiddetta “Banda della Stilo”, in carcere dallo scorso ottobre per un decreto di fermo di indiziati di delitto emesso dalla Procura di per i reati di concorso in rapina aggravata, tentata rapina aggravata, detenzione e porto illegale di arma, lesioni personali volontarie, danneggiamento seguito da incendio e ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ogni colpo, secondo quanto accertato, veniva minuziosamente pianificato e studiato in un casolare di campagna in località Santo Spirito (già emerso nella precedente inchiesta) dove venivano anche occultate le armi, caschi e passamontagna e dove veniva temporaneamente stivata la refurtiva. Al momento sono in corso ulteriori accertamenti per verificare la filiera della ricettazione sulla quale poggiava la banda. "La tipologia di colpi messi a segno - ha chiosato, invece, il capitano Antonio Bisogno, della compagnia carabinieri di San Severo - richiede già un altissimo livello organizzativo e per soggetti così giovani, affacciarsi in questo modo nel panorama criminale presuppone una preoccupante escalation". Una progressione criminale che  ha subito una brusca frenata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento