menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Da San Severo a Verona per mettere a segno furti di bestiame: sette arresti

Operazione dei carabinieri di Legnago. In manette sette soggetti della provincia di Foggia, con precedenti specifici. Erano l'incubo degli allevatori del Nord, ora dovranno rispondere di furti di bestiame, di rimorchi e ricettazione

Sette persone, tutte della provincia di Foggia, sono state arrestate dai dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Legnago (Verona) per furti di bestiame, di furti di rimorchi (e di quanto in essi contenuto), ricettazione ed altro.

Gli arresti sono stati eseguiti a seguito di ordinanza di custodia cautelare in carcere. Gli indagati sono tutti pregiudicati per reati specifici. Si tratta del 40enne Nicola Ivan Massari, lucerino ma residente a San Severo, di Carmine e Maurizio Delli Calici, sanseveresi rispettivamente di 42 anni e 44 anni e del loro concittadino Antonio Gentile, classe 1972.

Insieme a loro, sono finiti in manette anche Ennio Della Fazia, di 37enne e Patrizio Marino di 39, entrambi di San Severo; in ultimo, c’è anche Alessandro D’Amato, 38enne nato a San Giovanni Rotondo ma residente a Verrucchio (Rimini). L’indagine ha avuto inizio il 3 febbraio 2015 a seguito di un controllo di polizia operato dai militari a carico di alcuni di questi individui a Bonavigo (Verona) e si può definire conclusa nella prima mattinata dello scorso sabato, 2 luglio, con la localizzazione dei soggetti, l’attuazione delle ordinanze ed il loro conseguente arresto.

L’attività, coordinata dalla Procura di Verona ha di fatto interessato, per la maggiore, le regioni del Veneto, della Lombardia, dell’Emilia Romagna e della Puglia, per continui furti di “bestiame” perpetrati in aziende agricole stanziate in località isolate di questo e di altri territori. L’indagine ha consentito di disarticolare un sodalizio criminale “predatorio” dedito alla commissione di reati contro il patrimonio che, partendo dalla Puglia agiva prevalentemente nelle regioni del Nord Italia.

Nel contesto dell’intera operazione sono state eseguite numerose perquisizioni in Puglia – recuperato materiale e macchinari, rimorchi, refurtiva ed altro – per svariate centinaia di migliaia di euro e confiscato un trattore stradale Fiat Iveco con il quale i malviventi agganciavano e trainavano i rimorchi oggetto di furto, ed infine tratti in arresto i sette soggetti che, a vario titolo e per fatti specifici loro contestati nell’ordinanza in argomento, sono stati associati in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento