Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca San Severo / Viale due Giugno

Provocano incidente e pestano a sangue 'testimone': in carcere i due aggressori

Il fatto risale al 4 marzo dello scorso anno e i responsabili dell'aggressione in viale Due Giugno - identificati come Antonio Bonaventura e Ciro Mazzeo, di 22 e 23 anni - finiscono in carcere, accusati di lesioni gravissime

Aggredirono e pestarono a sangue un medico 64enne, di San Severo, “colpevole” di voler riprendere con il proprio cellulare un tamponamento cui aveva assistito, prima che i responsabili fuggissero. Il fatto risale al 4 marzo dello scorso anno e i responsabili dell’aggressione in viale Due Giugno - identificati come Antonio Bonaventura e Ciro Mazzeo, di 22 e 23 anni - finiscono in carcere, accusati di lesioni gravissime.

I due erano stati già arrestati nell’ambito dell’operazione di polizia denominata “Arancia Meccanica”, che aveva sgominato una spietata gang di giovani e giovanissimi dedita a furti seriali e sistematici a San Severo (furti di auto e veri e propri raid in appartamenti, magazzini e scantinati) ma anche nelle vicine regioni come Molise, Abruzzo, Marche. Tutti colpi messi a segno con violenza e sfrontatezza, pubblicando perfino selfie delle varie “trasferte” sulle rispettive pagine Facebook.

LE TERRIBILI IMMAGINI: IL VIDEO SHOCK

Nel calderone dei reati contestati al gruppo, vi era anche l’aggressione di viale Due Giugno, durante la quale i due responsabili, per evitare di essere filmati dopo aver tamponato due auto in sosta, colpirono il malcapitato con calci e pugni provocandogli un grave deficit visivo permanente (la perdita di 3 gradi) e uno sfregio in viso. Per la gravità dell’episodio, la Procura di Foggia aveva richiesto la misura cautelare in carcere. Richiesta non soddisfatta dal gip. Ma a seguito dell’appello, la sezione del riesame delle misure cautelari del Tribunale di Bari ha disposto per i due indagati la misura detentiva in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provocano incidente e pestano a sangue 'testimone': in carcere i due aggressori

FoggiaToday è in caricamento