Operazione 'Fumo negli ulivi': maxi sequestro di marijuana sul Gargano, due arresti

Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato hanno arrestato due persone e sequestrato 1100 kg di cannabis sativa con relativo impianto di essiccazione del valore di mercato di circa 600mila euro

Gli agenti del Corpo Forestale dello Stato

Gli uomini del Nucleo Investigativo del comando provinciale di Foggia, coadiuvati dai reparti territoriali, a seguito di un’intensa attività di indagine, hanno rinvenuto due piantagioni di cannabis all’interno di un uliveto in stato di abbandono, in località Piana di Sagri-Saggese in agro di San Nicandro Garganico.

Le piante (in tutto 250 con altezza variabile dai cinquanta centimetri ai due metri) erano in ottime condizioni vegetative e ben occultate nella fitta vegetazione. Le attività di indagine hanno portato all’arresto dei due responsabili, ora detenuti presso la casa circondariale di Foggia, ed all’individuazione anche dell’impianto di trasformazione del prodotto raccolto.

I Forestali si sono avvalsi sia di tecniche investigative tradizionali, che di strumentazione tecnologica, quali apparecchi di video-ripresa, occultati ad arte nella vegetazione, consentendo così di monitorare la piantagione di cannabis e le relative attività di coltivazione.

Inoltre, un elicottero della Forestale ha sorvolato la zona interessata per una ripresa aerea dei lotti e per individuare eventuali ulteriori coltivazioni. Il quantitativo sequestrato ammonta a 1.100 Kg, l’equivalente di 160.000 dosi, che sul mercato avrebbero fruttato circa 600.000 € di introiti alla malavita della zona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ulteriori indagini sono ancora in corso per individuare anche altri responsabili dell’attività criminale. Gli indagati rischiano una pena reclusiva di un minimo di sei anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento