menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Armi e droga a San Giovanni Rotondo: arrestati 42enne e 33enne

Un uomo custodiva armi in casa e in garage con relativo munizionamento. Un 33enne pregiudicato è stato sorpreso mentre cedeva eroina ad un cliente. In casa una vera attività di spaccio

I carabinieri della compagnia di San Giovanni Rotondo, nel corso di un servizio a largo raggio finalizzato alla prevenzione dei reati predatori e alla repressione della spaccio di droga, nella tarda serata del 4 settembre hanno attuato un imponente dispositivo di controllo straordinario del territorio a cui hanno partecipato tutti i reparti dipendenti della Compagnia, con particolare riferimento alla stazione capoluogo e al Nucleo Operativo e Radiomobile.

I risultati ottenuti sono stati di eccellente livello. In due distinte operazioni sono stati arrestati un 42enne incensurato B.M. e un 33enne pregiudicato L.P.M.

RITROVAMENTO ARMI - Il primo è stato trovato in possesso di due fucili a canne mozze di fabbricazione artigianale, vale a dire armi clandestine, in ottimo stato con relativo munizionamento. Il rinvenimento delle armi è avvenuto nel corso di una perquisizione presso l'abitazione e il garage dell’uomo. Erano custodite nel cofano della sua macchina.

BLITZ DROGA - Invece, in un'operazione antidroga del Nucleo Operativo è stato arrestato il 33enne pregiudicato L.P.M., sorpreso mentre tentava di cedere della sostanza stupefacente ad un tossicodipendente del luogo. I militari operanti, lo hanno colto in flagranza di reato e lo hanno bloccato, nonostante il tentativo di resistenza e fuga.

L’uomo stava cedendo 12 grammi tra "eroina" e cocaina. Presso la sua abitazione i militari hanno trovato e sequestrato altri grammi di sostanze stupefacenti, gli oggetti utilizzati per il taglio e il confezionamento della dosi, due bilancini di precisione e numerosi ritagli di buste in cellophane.

CONTROLLI STRADALI - Sempre nella città di San Pio i militari del Nucleo Radiomobile hanno  trovato un giovane in possesso di un frammento di "hashish" e per tale ragione lo hanno segnalato alla Prefettura di Foggia quale assuntore di sostanze stupefacenti, mentre un altro ragazzo è stato sorpreso alla guida di un'autovettura sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.

Per lui è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia per la violazione dell'art.187 del CDS, cui è seguito il ritiro immediato della patente di guida, atteso che per la violazione accertata consegue, come sanzione accessoria, la sospensione della patente per un periodo che va da uno a due anni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento