Viene costretta a lasciare Foggia, a prostituirsi incinta e ad abortire

La denuncia è stata fatta dal suo ragazzo alla Questura di Foggia. La nigeriana doveva saldare un debito di 50mila euro. I suoi tre aguzzini sono finiti in manette

E’ terminata con tre arresti per prostituzione, sfruttamento, sequestro di persona e costrizione all’aborto sotto minaccia, la triste storia di un donna nigeriana tenuta sotto scacco dai suoi aguzzini.

Messa sulla strada per pagare i suoi debiti, la prostituta è stata costretta persino ad abortire illegalmente, contro la sua volontà, quasi sicuramente in casa e senza nessuna assistenza sanitaria.

La denuncia è partita dalla Questura di Foggia ed è stata fatta dal fidanzato della ragazza incinta, costretta però, dietro pesanti minacce, a trasferirsi prima a Roma e in un secondo momento a Terni. Questo perché la vittima avrebbe dovuto saldare un debito di 50mila euro contratto durante il suo arrivo in Italia.

Il 5 luglio scorso la nigeriana si è presentata presso un ospedale romano con una busta in mano contenente il feto privo di vita e chiedendo assistenza. Rientrata a casa, è stata tenuta per sette giorni sotto osservazione da una connazionale e rimessa sulla strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sembra che la vittima fosse stato oggetto persino di riti woodo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento