Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca

Viene costretta a lasciare Foggia, a prostituirsi incinta e ad abortire

La denuncia è stata fatta dal suo ragazzo alla Questura di Foggia. La nigeriana doveva saldare un debito di 50mila euro. I suoi tre aguzzini sono finiti in manette

E’ terminata con tre arresti per prostituzione, sfruttamento, sequestro di persona e costrizione all’aborto sotto minaccia, la triste storia di un donna nigeriana tenuta sotto scacco dai suoi aguzzini.

Messa sulla strada per pagare i suoi debiti, la prostituta è stata costretta persino ad abortire illegalmente, contro la sua volontà, quasi sicuramente in casa e senza nessuna assistenza sanitaria.

La denuncia è partita dalla Questura di Foggia ed è stata fatta dal fidanzato della ragazza incinta, costretta però, dietro pesanti minacce, a trasferirsi prima a Roma e in un secondo momento a Terni. Questo perché la vittima avrebbe dovuto saldare un debito di 50mila euro contratto durante il suo arrivo in Italia.

Il 5 luglio scorso la nigeriana si è presentata presso un ospedale romano con una busta in mano contenente il feto privo di vita e chiedendo assistenza. Rientrata a casa, è stata tenuta per sette giorni sotto osservazione da una connazionale e rimessa sulla strada.

Sembra che la vittima fosse stato oggetto persino di riti woodo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viene costretta a lasciare Foggia, a prostituirsi incinta e ad abortire

FoggiaToday è in caricamento