rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca Borgo Incoronata

Rissa tra macedoni e rumeni al Santuario dell'Incoronata: sette arresti

Ancora da capire cosa possa aver scatenato una tale reazione da parte dei due gruppi. Per il fatto, i carabinieri della compagnia di Foggia hanno individuato e arrestato tre macedoni e quattro rumeni

Sette persone sono state arrestate per la violenta rissa, scatenatasi lo scorsa domenica sera, all’esterno del santuario della Madonna Incoronata, a pochi chilometri da Foggia. Per il fatto, i carabinieri della compagnia di Foggia hanno individuato e arrestato tre macedoni e quattro rumeni.

Si tratta dei macedoni Amet Emran e Amet Resad, rispettivamente di 26 e 48 anni, e del connazionale Dzaferi Naser di 47. Ancora, sono stati arrestati per rissa i rumeni Saban Miroslav di 28 anni, Oita Adrian di 27, Lepadat Ionut di 25 e Stirbu Relu di 48. Nello specifico, erano da poco passare le 19.30 quando una pattuglia con personale della CIO di Bari ha raggiunto Borgo Incoronata a seguito della segnalazione di una rissa in atto.

Una volta sul posto e non senza difficoltà, i militari sono riusciti a sedare i soggetti coinvolti e ad individuare un’autovettura Mercedes C220 con a bordo tre rumeni che stavano cercando di allontanarsi dal luogo dell’evento. Una volta fermato il mezzo, si è proceduto alla perquisizione del veicolo, all’esito della quale sono stati rinvenuti due bastoni di legno verosimilmente utilizzati nella rissa.

Gli arrestati, una volta medicati da personale del 118, sono stati tradotti presso la casa circondariale di Foggia ad eccezione di Stirbu Relu che, a seguito della rottura della gamba, è stato ricoverato presso l’ospedale di San Giovanni Rotondo. Sul posto, nell'immediatezza dei fatti, anche alcune pattuglie della Polizia Municipale. Ancora da capire cosa possa aver scatenato una tale reazione da parte dei due gruppi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa tra macedoni e rumeni al Santuario dell'Incoronata: sette arresti

FoggiaToday è in caricamento