Assaltano bancomat e aprono il fuoco contro la polizia: arrestati gli specialisti della 'marmotta'

Brillante operazione della squadra mobile di Foggia che ha assicurato alla giustizia quattro membri della banda di specialista. Altre due persone sono attivamente ricercate, per l'assalto alla Credem di Casalvecchio di Puglia

La conferenza stampa

Quattro persone arrestate, altre due attivamente ricercate, dopo un furto con esplosivo da 45mila euro messo a segno ai danni della banca ‘Credem’ di Casalvecchio di Puglia, sui Monti Dauni, nel Foggiano. Dopo una colluttazione e un pericoloso conflitto a fuoco, gli agenti della squadra mobile di Foggia sono riusciti ad arrestare quattro dei sei banditi che, nella notte tra venerdì 16 e sabato 17 giugno, hanno fatto saltare in aria il bancomat della filiale bancaria di Casalvecchio, fuggendo con l’intero incasso.

Per il fatto, sono finiti in manette il 31enne Alessandro Vincenzo Dellerba e il 32enne Giuseppe Defeudis, entrambi di San Giovanni Rotondo, il foggiano Luigi Consalvo di 51 anni e Giuseppe Biancolillo, 30enne di Cerignola: sono tutti pregiudicati per reati specifici. Si tratta del tredicesimo assalto (tra reati consumati e tentati) messo a segno nel Foggiano negli ultimi mesi: una vera e propria emergenza che ha portato la polizia a controlli sempre più serrati sul territorio.

LE IMMAGINI DELL'ASSALTO

In questo modo, gli agenti della mobile foggiana hanno individuato la presunta base logistica della banda - un casolare abbandonato in località Tavernola, alle porte di Foggia - dove i poliziotti hanno atteso la banda subito dopo aver saputo dell’ennesimo assalto consumato. Ed è qui che la polizia ha sorpreso la banda, a bordo di quattro autovetture di media cilindrata: ne è scaturita prima una violenta colluttazione, poi i banditi hanno aperto il fuoco contro gli agenti esplodendo almeno quattro colpi di pistola, cui è seguita la risposta della polizia.

Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. Secondo quanto ricostruito, il gruppo ha raggiunto la filiale a bordo di tre auto e un furgoncino Fiat Doblò. Quest’ultimo, con l’ausilio di una rampa è stato lanciato contro la vetrata della banca, per aprire un varco verso il bancomat. A quel punto, la banda ha fatto saltare in aria lo sportello automatico utilizzando gas acetilene (la cosiddetta ‘marmotta’) e sventrando di fatto la cassa.

Così i sei sono riusciti ad appropriarsi dell’incasso, pari a 45mila euro, interamente recuperato dalla polizia, insieme a tutto il materiale utilizzato per il colpo: bande chiodate, una ‘testa d’ariete’ artigianale da 40 kg, guanti, passamontagna, ricetrasmittenti e autovetture. In corso ulteriori indagini per identificare gli altri due complici riusciti a fuggire e per accertare eventuali responsabilità del gruppo in merito ad altri assalti a bancomat consumati negli ultimi mesi nella provincia di Foggia (FOTO DEGLI ARRESTATI)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento