Torremaggiore: feriscono dipendente durante una rapina in banca, arrestati

Due dei tre autori cerignolani della rapina alla Banca Popolare Pugliese sono stati arrestati dopo un rocambolesco inseguimento. Uno dei cassieri è stato ferito con un taglierino

I due autori della rapina

Sono stati arrestati due dei tre autori della rapina alla Banca Popolare Pugliese di Torremaggiore, nel corso della quale un dipendente è stato malmenato e ferito al braccio.

LA RAPINA | Erano circa le 15.30 quando uno dei malviventi, con il volto travisato da collant e armato di taglierino di colore verde, ha fatto irruzione nell’istituto di credito intimando al cassiere di aprire la porta e permettere al complice di raggiungerlo all’interno. Nonostante la vittima avesse eseguito l’ordine, la porta, evidentemente difettosa, non si è aperta. A quel punto, preso dal panico, il rapinatore ha iniziato a urlare e minacciare l’uomo, sferrando numerosi colpi di taglierino al braccio, al collo e al torace dell’impiegato, colpendolo persino con un pugno all’occhio sinistro

A quel punto l’aggressore ha aperto la porta antipanico con un calcione, favorendo l’ingresso del complice, che ha puntato il suo taglierino alla gola di un secondo cassiere lì presente, minacciandolo affinché gli consegnasse tutti i soldi. I rapinatori sono  usciti dalla filiale raggiungendo un terzo complice, che li attendeva a bordo di una Nissan Micra di colore bianco. Un terzo dipendente della banca si è affacciato dalla finestra del suo ufficio riuscendo a prendere la targa del mezzo e a chiamare il 112.

LE RICERCHE | I militari della locale stazione dei carabinieri, intervenuti sul posto poco dopo il colpo, hanno trovato il dipendente sanguinante e la maglia fatta a brandelli. I due sono stati prontamente medicati al Pronto Soccorso dell’Ospedale Masselli di San Severo.  Immediate sono scattate le ricerche dei tre fuggitivi.  A circa quattro chilometri dal centro abitato, sulla strada provinciale 30 che da Torremaggiore porta a San severo, all’altezza dello svincolo per la statale 16 in direzione Foggia, l’auto è stata intercettata da una pattuglia del Nucleo Radiomobile.

L’INSEGUIMENTO | E’ nato un rocambolesco inseguimento con diversi tentativi di speronamento da parte dei malviventi, evitati dai militari, che però sono riusciti ad affiancare e a superare la Nissan Micra, sbarrandoli la strada e costringendoli a fermarsi. Il conducente del mezzo è stato immediatamente bloccato, un altro afferrato mentre si dava a precipitosa fuga  a piedi.

GLI ARRESTI | Entrambi sono stati immediatamente dichiarati in stato di arresto per rapina aggravata in concorso e lesioni personali. Si tratta di L.M., classe 88, autista della banda, e L.G., classe 89, il rapinatore che ha aggredito ferendo il cassiere. La visione dei filmati, l’escussione dei testimoni ed i rilievi effettuati dai militari di San Severo non hanno lasciato alcun margine di dubbio circa le responsabilità dei due giovani cerignolani. Entrambi sono stati associati presso la casa circondariale di Foggia a disposizione dell’autorità Giudiziaria competente.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento