Cronaca

Arrestato il foggiano che riforniva di cocaina la ‘Campobasso bene’

Giuseppe Bruno è stato arrestato insieme ad un ex guardia giurata di Campobasso, nell’ambito dell’operazione di polizia ‘Avamposto’ scattata in due villette di Oratino

Vincenzo Zeoli, ex guardia giurata incensurata di Campobasso e Giuseppe Bruno, pregiudicato colpito da un mandato di cattura, sono stati arrestati dalla polizia di Campobasso nell’ambito dell’operazione denominata ‘Avamposto’. Il blitz è scattato sabato scorso in due villette di Oratino trasformate in una centrale dello spaccio. Ben 300 le dosi di cocaina trovate all’interno di una stufa, oltre a 35mila euro in denaro contante e vari appunti.

Al momento dell’irruzione – avvenuta mentre il campobassano usciva dalla villetta  - il pregiudicato foggiano è riuscito a disfarsi di un consistente quantitativo di droga gettandola nel water, droga recuperata in un secondo momento nella fossa biologica. L'ex guardia giurata, trovato con 70 grammi di cocaina, aveva affittato una villetta poco distante dove sono stati trovati una pistola calibro 9x21, due fucili, tutte armi detenute regolarmente anche se risultavano custodite in una casa di Termoli, proiettili, coltelli, piccole quantità di marijuana. I due per comunicare utilizzavano walkie talkie.

L'ex vigilantes, disoccupato, aveva un tenore di vita abbastanza alto rispetto al suo status. Era conosciuto alle forze dell'ordine, ma nulla faceva pensare che svolgesse questa attività. All’incensurato del posto si appoggiava appunto Bruno, l’uomo con precedenti per truffa che era agli arresti domiciliari a Foggia da dove aveva fatto perdere le tracce. Le indagini sono scattate grazie alla segnalazione di un cittadino, che ha permesso di ricostruire il business e l’attività di spaccio dei due soggetti, che rifornivano la ‘Campobasso bene’

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato il foggiano che riforniva di cocaina la ‘Campobasso bene’

FoggiaToday è in caricamento