Il cane antidroga Fighter incastra padre e figlio: scatta il blitz all'Onpi, sequestrato stupefacente e un'arma pronta all'uso

A finire in manette un 59enne foggiano e il figlio 36enne. Scovati a casa del primo 600 grammi di marijuana, nella cantina del secondo altri 85 grammi. All'ingresso del palazzo, invece, recuperati altri 400 di droga, mentre una pistola è stata trovata in un terreno attiguo

Armi e droga, blitz dei carabinieri della Compagnia di Foggia: arrestati padre e figlio per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente di tipo marijuana (oltre 2.500 dosi). Rinvenuta anche una pistola con matricola abrasa in un terreno accanto all’abitazione di uno dei due.

Continua quindi l’azione di prevenzione e contrasto al traffico illecito di sostanze stupefacenti svolto dalla Compagnia carabinieri di Foggia che ha predisposto, nelle ultime ore, molteplici servizi preventivi e repressivi sul territorio, per il contrasto dei reati predatori e del traffico di sostanze stupefacenti.

Oltre ai numerosi posti di controllo nelle vie cittadine sono stati predisposti posti di blocco nel quartiere ferrovie e nei pressi del parco San Felice dove i carabinieri oltre a controllare centinaia di persone hanno ribadito alla popolazione il rispetto delle normative per arginare il Covid-19, raccomandando anche ai passanti il perfetto uso della mascherina, il distanziamento sociale ed il divieto di assembramento, qualche giorno fa, il blitz dei militari è scattato con l’ausilio dei carabinieri cacciatori.

Questa volta a finire in manette sono stati un 59enne foggiano ed il figlio 36enne. Determinante è stato l’ausilio dell’unità cinofila Fighter, che nel corso delle perquisizioni domiciliari ha scovato occultata presso l’abitazione del primo 4 buste in cellophane con all’interno quasi 600 grammi di marijuana e presso la cantina del secondo circa 85 grammi della medesima sostanza.

Il fiuto eccezionale dell’instancabile pastore tedesco nel passare per il parcheggio, l’ingresso e le scale del palazzo Onpi ha permesso di individuare ulteriori 400 di marijuana abilmente occultata in vari nascondigli tra cui il vano di aereazione dove il cane aveva iniziato a graffiare indicando il nascondiglio.

È stata inoltre rinvenuta, in un terreno accanto all’abitazione del 59enne, una pistola semi automatica di colore grigio in buono stato di conservazione, con matricola abrasa e con caricatore contenente 7 cartucce del medesimo calibro 9x21. I due sono stati quindi arrestati e al termine delle formalità di rito sono stati tradotti presso la locale casa circondariale come disposto dalla procura di Foggia. L’autorità giudiziaria in sede di udienza ha convalidato gli arresti eseguiti della Sezione operativa della Compagnia di Foggia, disponendo per il 59enne la misura cautelare dell’obbligo di presentazione presso la Stazione carabinieri di Foggia e l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento