Omicidio di mafia sul Gargano, svolta sull'uccisione di Silvestri: arrestate due persone su ordine della DDA

A fornire i dettagli sull'attività, saranno il procuratore Giuseppe Volpe e il Comandante Provinciale dei carabinieri di Foggia, colonnello Marco Aquilio, nell'ambito di una conferenza stampa presso la Procura di Bari – DDA

Immagine di repertorio

Svolta nell'omicidio di Giuseppe Silvestri avvenuto a Monte Sant'Angelo il 21 marzo 2017. L'uomo, 44 anni, era stato ucciso con sei colpi di fucile alla periferia del comune garganico dei due siti Unesco. Il pregiudicato era alla guida del suo Fiat Doblò quando è stato raggiunto da una raffica di colpi di arma da fuoco, in più parti del colpo, al volto e al torace.,

Due soggetti, di cui uno dovrà rispodere di omicidio aggravato dalla finalità mafiosa, l'altro di favoreggiamento, sono stati arrestati dai carabinieri del Comando Provinciale di Foggia, che questo pomeriggio hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Bari. 

A fornire maggiori informazioni sull'attività, saranno direttamente il procuratore Giuseppe Volpe e il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Foggia, Colonnello Marco Aquilio, nell'ambito di una conferenza stampa in programma domani mattina, presso la Procura della Repubblica di Bari – Direzione Distrettuale Antimafia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento