Presa la banda delle rapine agli uffici postali: tutti napoletani, 23 gli arrestati

Sono tutti napoletani i componenti del sodalizio criminale sgominato dai carabinieri di Monza, che operavano in molte province italiane. Tre ricercati e 23 arrestati. Autori dei colpi a San Marco La Catola

La tecnica utilizzata dai rapinatori

Sono stati individuati e arrestati dal Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Monza i componenti di un’associazione a delinquere, radicata a Napoli ma operante su tutto il territorio nazionale - in particolare nelle Province di Napoli, Milano, Monza e Brianza, Torino, Caserta, Cosenza, Roma e Foggia - dedita a furti e rapine commessi in danno di uffici postali, istituti di credito e supermercati

Dopo mesi di indagini supportate da complesse attività tecniche, avviate nel febbraio 2015, il sodalizio criminale è stato sgominato. L’elemento comune era rappresentato dal fatto che gli ignoti malfattori si introducevano nei luoghi praticando un “foro” nella parete perimetrale, provvedendo a scardinare la cassaforte mediante “fiamma ossidrica”

I carabinieri di Monza hanno quindi emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip a carico dei responsabili di associazione per delinquere finalizzata alle rapine pluriaggravate e sequestro di persona, furto e tentato furto pluriaggravato, possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli, ricettazione, falso in atto pubblico e tentata truffa, false dichiarazioni sulla propria identità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli arrestati – in tutto ventitré mentre tre sono ricercati - sono accusati dei tre tentativi di furto pluriaggravato commessi presso l’ufficio postale di San Marco La Catola il 4 gennaio, il 7 febbraio e il 23 maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Il Coronavirus non si ferma ma galoppa: 41 nuovi contagi nel Foggiano e 13 morti in Puglia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento