Sui tetti di Monte Sant'Angelo con armi e gioielli: presa la banda dei furti

L'operazione dei carabinieri, all'esito della quale altre cinque persone sono state denunciate a piede libero per il reato di ricettazione. Il materiale aureo provento dei furti veniva ricettato attraverso attività di "Compro Oro"

Un gruppo ben affiatato e specializzato principalmente nella commissione di furti in abitazione. Il loro obiettivo era quello di raccogliere gioielli e preziosi da rivendere ai “Compro Oro” per un guadagno facile e immediato. Ma non per questo meno rischioso. E’ il gruppo sgominato dai carabinieri della compagnia di Manfredonia che hanno dato esecuzione ad una ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Foggia su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di Raffaele Palena, di 29 anni, Marco Piemontese di 26, Donato e Carlo Bisceglia di 29 e 32, tutti gravemente indiziati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti in abitazione, detenzione e porto di armi da fuoco, rapina aggravata e ricettazione.

L’attività ha preso le mosse da un furto perpetrato a Monte Sant’Angelo il 18 novembre del 2013, quando da un’abitazione furono trafugati 15.000 euro in contanti, vari monili in oro ed oggetti preziosi, titoli di credito, 5 fucili e 60 cartucce. In quell’occasione i due ladri - identificati poi in Palena e Bisceglia - furono sorpresi da un testimone che li vide prima scorrere sui tetti adiacenti all’appartamento e poi, dopo poco tempo, uno dei due portare un sacco sulle spalle e l’altro imbracciare un fucile che non ha esitato a puntare contro uno “scomodo” testimone, intimandogli di non raccontare nulla di quanto aveva appena visto. Tale episodio è stato solo uno dei tanti che, dall’inizio dell’estate 2013, aveva colpito il centro abitato e le aree rurali della cittadina garganica.

Le indagini dei carabinieri hanno quindi permesso di scoprire l’esistenza di un gruppo criminale, composto da soggetti di Monte Sant’Angelo, ben organizzato nella commissione di furti in abitazione, interessati soprattutto a razziare materiale aureo - che veniva immesso di nuovo nel mercato legale attraverso i 'Compro Oro' - ed armi, prevalentemente fucili da caccia. In particolare, secondo quanto ricostruito dai militari, Palena era l’organizzatore e coordinatore del gruppo malavitoso: decideva gli obiettivi da colpire, effettuava in prima persona i sopralluoghi e dava disposizioni in ordine alle modalità ed ai tempi di esecuzione dei furti, ai quali partecipava in prima persona. Lo stesso stabiliva anche le modalità di divisione dei profitti e si interessava ad occultare ed immettere sul mercato la merce provento dei furti perpetrati.

I fratelli Bisceglia, invece, erano i partecipi più assidui dell’associazione per delinquere, effettuando accurati sopralluoghi e partecipando in prima persona ai furti programmati e alla ricettazione ed occultamento della merce e delle armi trafugate. Quanto al Piemontese - sebbene allo stesso sia contestata solo la partecipazione materiale ad un furto - emerge il suo pieno coinvolgimento nella compagine malavitosa, cui forniva un apporto significativo. Oltre al furto del 18 novembre 2013, il gruppo criminale è gravemente indiziato di aver commesso il 16 gennaio ed il 23 gennaio 2014 due furti di attrezzature agricole asportate da case rurali e il 26 gennaio 2014 un furto in abitazione impossessandosi di 15mila euro di denaro contante, vari monili in oro e preziosi, un libretto per assegni, due fucili e 50 cartucce. Gli stessi, inoltre, si sono resi responsabili di vari episodi di ricettazione, per aver ricevuto svariati oggetti in oro, provento di altri furti, che provvedevano a piazzare ad acquirenti, in genere esercizi commerciali “Compro Oro”. Nel corso dell’attività d’indagine, altre cinque persone sono state denunciate a piede libero per il reato di ricettazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Conte firma il nuovo Dpcm: locali chiusi a mezzanotte, feste in casa massimo in sei e quarantena da 14 a 10 giorni

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento