Biccari, schiaffi e gesti umilianti agli alunni: smascherata "l'indole malvagia" delle maestre

Quattro insegnanti delle classi II e IV dell'istituto Paolo Roseti' di Biccari sono agli arresti domiciliari. Una docente di sostegno è accusata di aver assistito, senza intervenire, ai comportamenti delle colleghe

Immagine di repertorio

“Una indole malvagia” delle indagate espressa attraverso “schiaffi diretti in modo plateale al volto dei loro alunni e gesti umilianti”. E’ con queste parole che il gip del Tribunale di Foggia, Dino Dello Iacovo, stigmatizza la condotta delle quattro insegnanti della scuola primaria di Biccari, arrestate dai carabinieri alla vigilia di Pasqua (sono ai domiciliari) perché accusate di maltrattamenti su almeno quattro alunni di età compresa tra i 7 ed i 10 anni.

Nell’ambito di una delicata indagine coordinata dalla Procura dauna, i carabinieri sono riusciti a documentare le violenze, sia fisiche che psicologiche, perpetrate su alcuni alunni delle classi II e IV dell’istituto “Paolo Roseti” di Biccari. Tra le insegnanti ai domiciliari, anche una docente di sostegno accusata di aver assistito, senza intervenire, ai comportamenti delle colleghe.

Per il giudice per le indagini preliminari, in particolare, in quell’istituto si era venuto a creare un ambiente intollerabile per gli alunni, che iniziavano a manifestare malesseri nei confronti della scuola. Inoltre, dall’inizio dell’anno, si era registrata una ingiustificata “migrazione” di alunni, trasferiti in istituti di altri paesi del circondario.

A dare il via alle indagini, è stata la denuncia presentata dal padre di una piccola vittima nei confronti di una delle indagate. Le indagini condotte anche grazie a telecamere nascoste hanno mostrato poi una condotta violenta e generalizzata perpetrata tra le mura dell’istituto scolastico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

Torna su
FoggiaToday è in caricamento