Cronaca

Fusilli e Dell'Aquila spaventati dopo la visita della GdF all'Inps: il medico faceva da palo, il funzionario distruggeva "atti compromettenti"

Un altro elemento riscontrato in sede di indagini. La distruzione di "atti compromettenti" dopo la visita della guardia di finanza presso gli uffici Inps di Foggia il 30 giugno 2020

Nell’ambito dell’inchiesta coordinata e diretta dalla procura della Repubblica di Foggia che il 30 giugno ha portato all’arresto di un medico legale e componente della commissione di riconoscimento delle invalidità presso la sede dell'Inps, di un funzionario dell’ente e di un dipendente del Caf, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di corruzione per l’esercizio della funzione, corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, falso ideologico e materiale, truffa ai danni dell’Inps, non è sfuggito agli inquirenti il comportamento di Dell’Aquila e Fusilli assunto dopo aver saputo di una visita della guardia di finanza negli uffici dell’Inps (30 giugno 2020) e delle domande rivolte a una dipendente rispetto all’organizzazione sulle richieste del riconoscimento delle invalidità e alla commissione medico legale.

I favori dietro le 'bustarelle: "1700 vanno bene?"

Avvertiti dell'accaduto direttamente dalla collega, Fusilli si recava nella sua stanza con Dell’Aquila e distruggeva i fogli dove "molto probabilmente" erano indicate le persone che dovevano essere periziate senza rispettare l’ordine prestabilito. Nel frattempo il medico si piazzava all'ingresso della stanza facendo attenzione che non arrivasse nessuno. 

Quello stesso giorno Antonio Fusilli, rivolgendosi a una persona che era andata a trovarlo a nome di un patronato, aveva riferito che non avrebbero più potuto inserire come "inviti" proprio perché era venuta la guardia di finanza.

Il "gran favore" a un'attività di Manfredonia

La distruzione di “atti compromettenti” è proseguita anche quando Sandro Stanco, avendo ricevuto una proroga delle indagini preliminari riguardo uno dei casi al vaglio degli inquirenti, si era recato dal Fusilli per avvertirlo e per eliminare alcuni atti. “Risulta provato, dunque, che era presente un accordo corruttivo di lunga durata”

L'incendio dell'auto a una dottoressa

Qualche giorno dopo, il 9 luglio, dopo un sopralluogo della p.g. all'Inps per ritirare degli atti, secondo il titolare delle indagini, sono emersi “commenti abbastanza chiari ed evidenti” che “confermano il grave quadro indiziario a loro carico”.

Dell’Aquila: “Quelli vogliono vedere l’irregolarità”

Fusilli: Bravo

Dell’Aquila: E l’irregolarità se porta a soldi

Fusilli. Ma l’irregolarità di che? Giovanni! Ma scusa, ma io gliel’ho spiegato

Dell’Aquila: quelli vogliono vedere chi l’ha fatto

Fusilli: se io

Dell’Aquila: Ma quello ti dice ‘questo l’ha fatto chi l’ha visitato. Ci sta il tizio che...ci sta sempre il dottore Dell’Aquila, perché sta sempre il dottore Dell’Aquila...

Fusili: eh mado, appunto, ci sono tutti quanti

Dell’Aquila: eh, mica ci sono tutti quanti, quello vogliono vedere se l’errore è casuale o sistematico

Fusilli: casuale

Dell’Aquila: perché se è sistematico l’irregolarità, allora c’è qualcosa sotto

Fusilli: “Io sospetto più questa cosa qua dei fogli visita, questi chiameranno queste persone per sentire: “Tu hai dato i soldi?” basta! Vabbe siccome qua di soldi non ce ne danno, a questo punto...cioè, tu le persone interessate…

Dell’Aquila: Vuoi vedere….

Fusilli: Puoi mai dire una cosa del genere?

Dell’Aquila: devi vedere se si spaventano! Se le fanno spaventare...specialmente la vecchiarella, devi vedere, se li doveva dare a qualcuno, a qualche intermediario in mezzo alla strada

Fusilli: e che ti dobbiamo fare? (ride) Dice “ma io” poi l’intermediario dice “ma io li ho dati a te” ma lo dici tu che me li hai dati! E così è! Uno è innocente!

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fusilli e Dell'Aquila spaventati dopo la visita della GdF all'Inps: il medico faceva da palo, il funzionario distruggeva "atti compromettenti"

FoggiaToday è in caricamento