menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auto rubate a Rimini, arrestati cugini viestani: satellitare e sosta in un'area di servizio fatali ai due ladri

Si tratta dei cugini Giovanni e Claudio Iannoli di Vieste, arrestati con l'accusa di furto aggravato in concorso

Giovedi scorso, a Vieste, i carabinieri della compagnia di Vico del Gargano e della locale Tenenza, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Foggia per il reato di furto aggravato in concorso, hanno arrestato Claudio e Giovanni Iannoli, cugini di 42 e 32 anni.

I due, ritenuti vicini ad esponenti di spicco del clan 'Perna', sono accusati di aver rubato due autovetture. I fatti risalgono allo scorso 8 aprile, quando i militari della stazione di Rodi Garganico avevano notato i due malfattori aggirarsi nei pressi di un’auto parcheggiata nelle vie del paese garganico, risultata poi essere stata asportata la notte precedente a Rimini.  

Le indagini condotte dagli uomini dell’Arma di Rodi Garganico hanno consentito di ricostruire il percorso effettuato dall’autovettura, anche grazie al sistema satellitare che era installato sulla stessa, e da lì, la visione degli impianti di videosorveglianza presenti lungo il percorso, in particolare quello di un’area di servizio dove i due si erano fermati per fare rifornimento, aveva poi consentito di appurare che a Rimini era stato rubato un ulteriore veicolo, rintracciato poi a Vieste dai Carabinieri della locale Tenenza. 

Le due automobili sono state riconsegnate ai legittimi proprietari, mentre gli Iannoli sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni. Le indagini proseguono ora per verificare a cosa dovessero servire i due mezzi portati da così lontano sul Gargano.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento