Avviso anonimo sull'App e cane antidroga incastrano due foggiani: blitz nel residence, trovati 14mila euro e la droga

Due foggiani di 24 e 25 anni sono stati arrestati a Rimini. La polizia, dopo aver ricevuto una segnalazione anonima sull'App Youpol, sono entrati nel residence con il cane antidroga e hanno trovato 14mila euro in una cassaforte e della droga

FOTO DI REPERTORIO

Grazie all'applicazione Youpol che permette di interagire con la polizia di stato inviando segnalazioni relative a episodi di bullismo, spaccio di sostanze stupefacenti e reati di violenza che si consumano tra le mura domestiche, ieri pomeriggio gli agenti di polizia della questura di Rimini, attraverso una segnalazione anonima, ha arrestato un foggiano di 25 anni in un residence di via Cavalieri in via Vittorio Veneto, che condivideva con un altro conterraneo di 24 anni

Come riportato dai colleghi di Riminitoday, un equipaggio delle volanti si è diretto al residence insieme ad un’unità cinofila antidroga della Polizia di Stato appartenente al Reparto Cinofili di Bologna. 

I poliziotti hanno bussato più volte la porta di ingresso, senza mai ricevere alcuna risposta. Dal momento, però, che sentivano provenire dalla stanza musica ad alto volume ed altri diversi rumori, gli operatori hanno deciso di accedere all’interno dell’appartamento utilizzando un badge passpartout.

Una volta entrati hanno trovato all’interno del bagno il 25enne, mentre il 24enne stava dormendo in una delle due camere da letto. 

Ultimata l’identificazione dei due giovani - insofferenti al controllo - i poliziotti hanno chiesto più volte agli interessati se nell’appartamento ci fosse della droga. "Potete cercare quanto volete tanto non troverete nulla perchè non abbiamo nulla da nascondere".

A quel punto il cane Jago, insieme al poliziotto suo conduttore, ha iniziato il controllo dalla stanza da letto del 24enne, all’interno della quale ha riscontrato diverse tracce olfattive di sostanza stupefacente residua sia negli indumenti che in diverse parti della camera.

Nella seconda camera da letto del l’attenzione del cane antidroga si è concentrata su una cassaforte presente all’interno dell’armadio e su alcuni capi di abbigliamento custoditi all’interno dello stesso in una cassettiera.

Vista l’insistenza di Jago, gli operatori hanno approfondito la perquisizione rinvenendo all’interno della cassaforte una somma in denaro pari a circa 14mila euro.  Occultata nella manica di un giacchetto posto in un altro punto dello stesso armadio, è stato rinvenuto e posto successivamente sotto sequestro un involucro di plastica bianca contenente 45 grammi di cocaina.

Terminato il controllo in questa seconda camera da letto, i poliziotti hanno proceduto oltre e, nel vano cucina/soggiorno, il cane antidroga ha individuato diverse tracce olfattive di stupefacente in varie parti della stanza, ma in particolare ha fatto soffermare il suo conduttore in una credenza del soggiorno dove, sul ripiano superiore, è stata ritrovata una dose da 2 grammi di marijuana circa e una seconda dose di hashish del peso di 1 grammo circa.

Nella cassettiera della cucina, vicino ai fuochi, è stata ritrovata una busta di plastica bianca integra e una seconda busta ritagliata con dei fori circolari, pezzi utilizzati verosimilmente per il confezionamento delle dosi. Infatti all’interno dello stesso cassetto è stato ritrovato un pezzo di domopack, una busta cartacea bianca contenente 19 involucri di plastica bianca termosaldati contenenti cocaina, il tutto per un peso di 20 grammi circa. 

Nel corso della perquisizione il 25enne è stato trovato in possesso di sei telefoni cellulari, per la maggior parte attivi, tutti posti sotto sequestro penale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due sono stati arrestati per detenzione di droga ai fini di spaccio e condotti presso la Questura. L’Autorità Giudiziaria ha disposto che i due giovani foggiani fossero condotti presso la Casa Circondariale di Rimini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento