Cronaca

Foggia, narcotizzano e derubano aspiranti badanti: carabinieri arrestano madre e figlio

Lucia Bruno e Francesco Cecere hanno narcotizzato e rapinato una marocchina, abbandonata in aperta campagna in stato confusionale, e una donna romena

Hanno narcotizzato e derubato due donne straniere che si erano presentate ad un appuntamento fissato per presunti lavori come badanti. Madre e figlio foggiani, di 47 e 20 anni, sono stati arrestati dai carabinieri poiché gravati da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Foggia in quanto ritenuti responsabili di aver compiuto, nei mesi di maggio e di giugno, due rapine ai danni di altrettante donne di nazionalità marocchina e romena.

Lucia Bruno e Cecere Francesco hanno indotto le due donne a bere una bibita contenente una sostanza narcotizzante. Poi, approfittando dello stato d’incoscienza, si erano appropriati degli oggetti in oro che indossavano le vittime e delle loro borse contenenti denaro contante ed effetti personali. La ragazza marocchina, dopo essere stata derubata, era stata abbandonata in aperta campagna.

Ai due è stato possibile giungere grazie ai tabulati telefonici in quanto le schede utilizzate per chiamare le vittime erano intestate a Cecere. Le malcapitate hanno riconosciuto i due, ritenendoli, senza ombra di dubbio gli autori delle rapine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia, narcotizzano e derubano aspiranti badanti: carabinieri arrestano madre e figlio

FoggiaToday è in caricamento