Volanti sorprendono topi d’appartamento in via Tizzano: inseguiti e arrestati

Il 34enne e il 24enne erano censurati per reati contro il patrimonio. Avevano scavalcato la recinzione di un'abitazione. C'erano segni di effrazione sulla cancellata esterna della finestra della cucina

Erano circa le 16.30 del primo aprile quando il personale dipendente della Sezione Volanti procedeva all’arresto in flagranza di reato di Scarpiello Luigi di anni 34 e di Viscillo Renato di anni 24, resisi responsabili di concorso in tentato furto aggravato in un’abitazione via Tizzano, al civico 31. La prima segnalazione pervenuta alla centrale operativa riferiva della presenza di due persone che avevano scavalcato la recinzione perimetrale di una abitazione al fine di commettere il furto.

L’immediato intervento di due Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, consentiva di individuare le due persone che alla vista dei poliziotti si davano a precipitosa fuga. Il 34enne, che nel frattempo si era disfatto di un paio di cesoie, veniva immediatamente bloccato dagli agenti, mentre l’altra persona veniva bloccato dopo circa 300 metri mentre tentava di scavalcare la recinzione del campo di calcio della F.I.G.C. e di disfarsi di due cacciavite.

Il successivo sopralluogo effettuato nell’appartamento consentiva di accertare che era presente una effrazione sulla cancellata esterna di una finestra della cucina dalla quale erano state divelte due sbarre di acciaio. Gli agenti operanti accertavano, altresì, che i fermati, al fine di occultare la loro azione criminosa, avevano completamente abbassato la tenda da sole. Circostanza confermata anche dal proprietario di casa, giunto poco dopo sul posto.

Immediati accertamenti consentivano di rintracciare l’autovettura con la quale i due erano giunti nei pressi dell’appartamento. Intestata alla madre di Scarpiello,  al suo interno veniva rinvenuta una mazzetta da demolizione del peso di 5,5, kg.  Gli arnesi da scasso e il veicolo venivano sequestrati mentre i due dichiarati in stato di arresto presso la locale Casa Circondariale in attesa dell’odierno rito del processo per direttissima. Entrambi sono risultati censurati per reati contro il patrimonio. Dieci ore dopo le volanti sono dovute intervenire in via Le Maestre, dov'era stata segnalata la presenza di alcune persone all'interno di un locale adibito a deposito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento