menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prendeva antiparassitari in farmacia (senza pagare) e li rivendeva: inseguito dal titolare e arrestato dalla Polizia

Un 55enne è stato arrestato dagli agenti del Reparto Prevenzione Crimine di San Severo e dal Reparto Volanti di Foggia. Beccato mentre rivendeva la merce rubata a un 68enne, anch'egli arrestato. In passato aveva commesso altri furti nella stessa farmacia

Nella giornata del 6 agosto scorso, gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine di San Severo e del Reparto Volanti della Questura di Foggia hanno tratto in arresto Giovanni D’Argenio, di 55 anni, ed L.E., di 68, per i reati di furto aggravato continuato e ricettazione.

La mattina durante il turno di pattugliamento, i poliziotti sono intervenuti nella zona della Chiesa di San Giovanni Battista, in quanto un farmacista stava seguendo a bordo del suo scooter un uomo che aveva perpetrato un furto di antiparassitari presso la Farmacia e si era allontanato a bordo di una bicicletta.

Giunti in via San Lazzaro, dopo aver parlato con il titolare della farmacia e gli stessi agenti hanno notato che l’uomo indicato dalla vittima, poi identificato per D’Argenio stava consegnando le quattro scatole di farmaci ad un altro uomo poi identificato per il 68enne, in cambio di denaro. Appena avvenuto lo scambio gli agenti sono subito intervenuti per fermare i due malviventi. Dopo averli sottoposti a perquisizione hanno rinvenuto addosso ai predetti la merce ed i soldi oggetto di scambio.

Dalle rivelazioni del farmacista, è emerso che D’Argenio in più di un’occasione aveva effettuato dei furti nell’esercizio commerciale, e che nel corso degli ultimi mesi si era registrato un ammanco in cassa di circa 3mila euro.

Dalla visione delle immagini della video-sorveglianza interna si è rilevato, inoltre, che D’Argenio nelle ultime settimane si fosse introdotto in farmacia per prelevare dei prodotti antiparassitari per cani, senza però mai pagare il corrispettivo. Le scatole di parafarmaci sottratte sono state restituite al proprietario, mentre i due arrestati dopo le formalità di rito, sono stati accompagnati presso le rispettive abitazioni in attesa del giudizio per direttissima, a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Attualità

"L'antimafia non si fa così". A Foggia compleanno amaro della legge 109. "Senza visibilità per i beni confiscati, lo Stato ha vinto ma nessuno lo sa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento