Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Foggia, svaligiavano case e reinvestivano in droga: arrestati giovani dai 19 ai 25 anni

E' il frutto dell'operazione 'Final Cut' della Squadra Mobile di Foggia. Otto ragazzi sono stati arrestati a vario titolo ciascuno secondo profilo e responsabilità. Si avvalevano di una rete di informatori

Una banda di giovanissimi, tutti foggiani, impegnati a tempo pieno nel pianificare e mettere a segno furti in appartamento. Tutti “colpi” studiati e preparati nei minimi dettagli: dalla scelta di appartamenti privi del sistema di videosorveglianza alle eventuali vie d’accesso e di fuga.

Gli appartamenti “visitati”, inoltre, erano quasi tutti nella zona a sud di Foggia o nel centro cittadino ed appartenevano a professionisti foggiani, o comunque ad esponenti del ceto medio-alto. Insomma, non si sprecava tempo per bottini esigui o deludenti.

E’ quanto scoperto dagli agenti della squadra mobile di Foggia che, all’alba di oggi, hanno siglato la parte finale dell’operazione “Final Cut”, con l’esecuzione di 8 provvedimenti restrittivi emessi nei confronti di altrettante persone, appartenenti ad un gruppo delinquenziale dedito alla commissione di reati contro il patrimonio – nel caso specifico, furti in abitazione - e in materia di stupefacenti.

Sì, perché il gruppo, ormai ben rodato ed in ascesa, era pronto – come sostenuto dagli inquirenti - a compiere un salto di qualità criminale, reinvestendo i proventi dei furti in sostanza stupefacente, soprattutto marijuana, da spacciare in città. Tutto questo per un volume d’affari considerevole, considerando che in un mese di indagine sono stati accertati almeno 20 furti in appartamento.

Nonostante la giovane età, si tratta di professionisti - puntualizza il capo della mobile Alfredo Fabbrocini, che insieme agli agenti della sezione criminalità organizzata, ha messo a segno il blitz - un vero e proprio “branco” caratterizzato da un’insolita applicazione nella pianificazione dei furti che ha assunto, in breve tempo, un carattere sistematico, con metodici sopralluoghi che anticipavano i “colpi”.

OPERAZIONE 'FINAL CUT': IL VIDEO

I furti, infatti, non avvenivano necessariamente di notte o in appartamenti temporaneamente vuoti: grazie a costanti sopralluoghi, appostamenti e ronde in zona, gli stessi ricostruivano le abitudini lavorative e familiari delle future vittime, scegliendo il momento ideale per entrare in azione, anche in pieno giorno.

Solo furti a colpo sicuro: il gruppo, infatti, poteva contare su una fitta rete di informatori – la cui posizione è ancora da vagliare – in grado di fornire dettagli e notizie fondamentali per la buona riuscita del colpo. Si tratta di badanti, donne di servizio, tecnici del gas o manutentori dei climatizzatori: tutte persone che, per motivi professionali, entravano nella case altrui saggiando l’eventuale bottino.

Ad essere coinvolti nel blitz odierno, dunque, sono otto ragazzi, tutti giovanissimi, di età compresa tra i 19 ed i 25 anni. I provvedimenti cautelari sono stati emessi - a vario titolo, ciascuno secondo profilo e responsabilità - dal gip del Tribunale di Foggia, Antonio Buccaro, su richiesta del sostituto procuratore Vincenzo Maria Bafundi della Procura di Foggia, nei confronti Nicola Cannone e Ciriaco De Stefano, entrambi 23enni, Massimiliano De Muro di 22 e Giuseppe Giardino di 20. Ancora, sono stati arrestati Giuseppe Folliero di 19 anni, Giuseppe Pio Muraglia di 24, Roberto Accinni di 25 e C.L., di 20 anni, unico per il quale sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foggia, svaligiavano case e reinvestivano in droga: arrestati giovani dai 19 ai 25 anni

FoggiaToday è in caricamento