Le mani della mafia sulle scommesse on line: 68 arresti, due sono foggiani

Il volume delle giocate scoperto dagli investigatori di Guardia di Finanza, Polizia e Carabinieri, supererebbe i 4,5 miliardi. A capo del sodalizio criminale ci sarebbe Vito Martiradonna

Arresti delle scommesse on line
Tre indagini, portate avanti dalle Procure di Bari, Reggio Calabria e Catania e coordinate dalla Direzione Nazionale Antimafia e antiterrorismo, per far luce sulla spartizione fra le mafie del mercato della raccolta illecita delle scommesse online. 
A capo del sodalizio criminale ci sarebbe il 70enne Vito Martiradonna, storico esponente della criminalità barese. Agli arresti domiciliari sono finiti anche due foggiani: Giuseppe La Gala e Alessandro Di Bello
Gli arresti - 68 in tutto - sono scattati questa mattina, insieme al sequestro di beni in Italia e all'estero per oltre un miliardo. Il volume delle giocate, riguardanti eventi sportivi e non, scoperto dagli investigatori di Guardia di Finanza, Polizia e Carabinieri, supererebbe i 4,5 miliardi. I provvedimenti cautelari riguardano tutti esponenti della criminalità organizzata pugliese, reggina e catanese, oltre a diversi imprenditori e prestanome. Una ottantina le perquisizioni eseguite. I reati contestati, a vario titolo, vanno dall'associazione mafiosa al trasferimento fraudolento di valori, dal riciclaggio all'autoriclaggio, dall'illecita raccolta di scommesse on line alla fraudolenta sottrazione ai prelievi fiscali dei relativi guadagni.

Continua a leggere la notizia su BariToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento