Cronaca

Travestiti da finanzieri, simularono un controllo e rapinarono banca: arrestati

La rapina era stata compiuta presso la filiale Carivit di Bassano Romano, in provincia di Viterbo. Uno dei due arrestati, un 47enne foggiano senza fissa dimora, è stato intercettato a Cinecittà

Sono stati presi e arrestati due dei tre malviventi che il 30 luglio scorso rapinarono la filiale Carivit di Bassano Romano (provincia di Viterbo) a volto scoperto, ma fingendosi finanzieri. Uno dei due è un 47ennne foggiano senza fissa dimora – ma con precedenti per rapina - rintracciato ieri sera nei pressi del quartiere Cinecittà a Roma.

I FATTI. Travestiti da finanzieri, durante l’ora di pranzo, i tre sono entrati in banca simulando un controllo, apposto un cartello con scritto “chiuso” all’ingresso dell’istituto di credito e trattenuto i dipendenti per circa un’ora e trenta, fino all’apertura della cassaforte. Al termine del controllo, sono saliti su una Grande Punto – per l’occasione trasformata in un’auto delle Fiamme Gialle – e fatto perdere le proprie tracce con un ricco bottino di 189mila euro.

Dopo una serie di indagini - grazie a due testimoni oculari, alle analisi dei tabulati telefonici e soprattutto alle riprese del sistema di videosorveglianza della banca - i carabinieri del comando provinciale di Viterbo e di Ronciglione, hanno identificato i finti finanzieri nell’ambito dell’operazione denominata ‘Point Break’. Rapina, sequestro di persona, usurpazione di titoli, detenzione di arma modificata e munizionamento da guerra. Queste le accuse mosse nei confronti dei due rapinatori, considerati dei “veri professionisti”. Si cerca il terzo complice.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travestiti da finanzieri, simularono un controllo e rapinarono banca: arrestati

FoggiaToday è in caricamento