Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca San Nicandro Garganico

Scoperto il business della droga, blitz a San Nicandro e San Severo: venti fermi

Operazione ‘New green generation’. Marijuana veniva coltivata e smerciata a San Nicandro Garganico attraverso una rete di giovani pusher. Spaccio di cocaina avveniva nel quartiere San Berardino di San Severo.

I carabinieri del comando provinciale di Foggia, all’alba, hanno dato esecuzione a venti ordinanze di custodia cautelare, emesse dal GIP del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica. I soggetti destinatari dei provvedimenti restrittivi sono, a vario titolo, gravemente indiziati dei reati di produzione, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi e furto di autovetture in concorso. Ulteriori quattro indagati sono allo stato ancora da catturare.

La complessa attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia e condotta dalla Stazione Carabinieri di San Nicandro Garganico si è sviluppata dall’ottobre 2013 al febbraio 2014, attraverso attività tecnica e numerosi servizi di osservazione, controllo e pedinamento sul territorio.  Nel corso delle indagini venivano raccolti numerosi e gravi indizi di colpevolezza riferiti alla produzione ed al traffico di marijuana.

In particolare la sostanza stupefacente veniva prodotta da Pietro Folla nelle piantagioni presenti in alcuni terreni nella sua disponibilità ubicati nei territori tra San Nicandro Garganico e Chieuti. Folla curava la coltura illecita che poi veniva smerciata all’ingrosso soprattutto da Antonio Altieri ed un altro indagato ancora da catturare. Il volume d’affari degli indagati permetteva di cedere quantitativi pari a 1 kg e mezzo di droga alla settimana per un valore di circa 2mila euro. Antonio Altieri inoltre gestiva poi in prima persona un gruppo di giovani pusher alle sue dipendenze che si occupavano di vendere la droga al dettaglio soprattutto nel territorio del comune di San Nicandro Garganico.

I NOMI DELLE VENTI PERSONE FERMATE

Le investigazioni hanno permesso anche di svelare una fiorente attività di spaccio di cocaina che avveniva nel quartiere San Berardino di San Severo, i cui autori sono stati identificati negli indagati Angelo Marinelli, Luciano Marinelli, Ruggero Bergantino ed un quarto soggetto ancora in libertà. Gli stessi gestivano lo spaccio dalla propria abitazione effettuando le cessioni ad una rete di fidati acquirenti, avvalendosi di telecamere e vere e proprie vedette a tutela di tale commercio illecito.

Sono stati inoltre accertati un furto e tre tentati furti di autovetture attribuiti ad Antonio Altieri, Marco Canova e Gianpaolo Di Lella, finalizzati a compiere rapine, di cui una in particolare progettata in danno di un negozio di tabacchi, però mai portate a compimento. L’unico furto di autovettura avveniva a Termoli nel febbraio 2014, ma i carabinieri riuscivano il giorno dopo a rinvenire la stessa, già portata a San Nicandro Garganico dai ladri, e restituirla al proprietario.

Ad un indagato, Nazario Antonio Ciavarella, è contestato anche il reato di detenzione e porto abusivo di armi. Infine, nel contesto dell’operazione di esecuzione delle misure cautelari, a seguito di perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti nella disponibilità dell’indagato Angelo Di Pardo, grazie all’ausilio di unità cinofila dell’Arma, circa 100 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, occultati in varie stanze della sua abitazione.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperto il business della droga, blitz a San Nicandro e San Severo: venti fermi

FoggiaToday è in caricamento