rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca Cerignola / contrada Olmo

Scoperto campo di marijuana, "protetto" da telecamere e cani di grossa taglia: un arresto

Nel complesso, sono tre gli ettari coltivati e scoperti dai carabinieri. Per i due episodi, tre persone sono state associate al carcere di Foggia: dovranno rispondere del reato di produzione di sostanze stupefacenti

Due maxi piantagioni di marijuana sono state scoperte dai carabinieri rispettivamente in agro di Cerignola e in agro di Trinitapoli. Nel complesso, sono tre gli ettari di canapa coltivati e scoperti dai militari: circa 5mila piante sradicate e sequestrate, oltre 20 kg di prodotto già pronto per la vendita e numerosi rami ed infiorescenze scoperte in fase di essiccazione. Per i due episodi, tre persone sono state arrestate ed associate al carcere di Foggia: dovranno rispondere del reato di produzione di sostanze stupefacenti.

A CERIGNOLA | Nel primo caso, i militari hanno arrestato in flagranza di reato Felice Pestilli, incensurato di 60 anni, che dovrà rispondere anche di detenzione illegale di armi e munizioni. La piantagione era situata in un fondo agricolo in Contrada Olmo, e si estendeva su un ettaro pieno, che accoglieva circa 3700 piante di marijuana.

Nel corso delle attività predisposte dai militari, è stato possibile appurare come l’uomo adottasse strette misure di sicurezza a protezione dell’area, mescolando metodi antichi e moderni: non solo la presenza di cani di grossa taglia addestrati per non far avvicinare nessuno al fondo, ma anche un avanzato sistema di videosorveglianza con telecamere piazzate in modo tale da poter riprendere sempre l’intero appezzamento di terreno.

GUARDA QUI IL VIDEO DEI CARABINIERI

I militari hanno fatto irruzione nel casolare attiguo al terreno, dove l’uomo dimorava per seguire la fase di essiccazione del ‘raccolto’ e procedere al successivo confezionamento della sostanza. Tutto ciò dopo aver staccato temporaneamente la corrente, così da sfuggire al capillare controllo delle telecamere. Dinanzi ai militari l’uomo non ha opposto alcuna resistenza.

Durante la perquisizione dello stabile, sono stati sequestrati circa 10 kg di marijuana già pronta per essere consegnata ai grossisti e tutto il materiale necessario al suo confezionamento. Da una più approfondita ricognizione, è stato possibile appurare che le piante coltivate nel fondo erano 3750, per complessivi 580 kg di foglie. Inoltre, all’interno di un mobile presente nel casolare, è stata sequestrata anche una pistola calibro 380 clandestina, con caricatore inserito ed altri 27 proiettili dello stesso calibro.

A TRINITAPOLI | L’altra piantagione di marijuana è stata individuata dai carabinieri in agro di Trinitapoli, precisamente in un fondo agricolo esteso per circa due ettari, che costeggia la SP Trinitapoli-San Ferdinando.

Una piantagione “matura”: circa 360 le piante sequestrate, alte più di due metri e al culmine della fioritura. Tutto ciò insieme a 10 kg di marijuana già confezionata e pronta per essere immessa sul mercato, 143 rami della stessa sostanza in fase di lavorazione e altre 960 piante ancora da raccogliere e trattare.

GUARDA QUI IL VIDEO GIRATO DAI CARABINIERI

All’interno di un casolare annesso al terreno, sono state trovate 42 cassette in legno contenente stupefacente essiccato da confezionare per un totale di 33 kg e ulteriori 31 kg di sole infiorescenze in fase di essiccazione. Come accertato dai militari, i locali di lavorazione ed imballaggio dello stupefacente erano stati ricavati dai garage e dai capannoni agricoli presenti nel fondo.

La piantagione era nascosta da alberi di pesche ed albicocche di pari altezza, così da eludere un possibile controllo dall’alto e nascondere l’illecita piantagione anche dalla strada. Tutta la piantagione è stata espiantata, e le 2,9 tonnellate di piante sequestrate saranno sottoposte alle analisi del caso. Per il fatto i militari hanno arrestato Luigi Cicinnato di 53 anni e Massimo Ricco di 30. 

FOTO | Due maxi-piantagioni di marijuana nel basso Tavoliere: tre arresti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoperto campo di marijuana, "protetto" da telecamere e cani di grossa taglia: un arresto

FoggiaToday è in caricamento