Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Via degli Aviatori

Colpo da 6500 euro al "Brico Io" di viale degli Aviatori, quattro arresti "in diretta" | FOTO

Aggredito con un taser e rapinato l'addetto alla consegna in banca dell'incasso. Bloccati e arrestati all'uscita quattro dei cinque che avrebbero preso parte alla rapina

Per gli agenti della squadra mobile di Foggia si tratta di un colpo organizzato e pianificato nei minimi dettagli: verosimilmente, infatti, i rapinatori avevano monitorato da tempo gli spostamenti dell’addetto al deposito in banca dell’incasso del “Brico Io” e avevano reperito mezzi e “gambe veloci” per consumare l’azione in modo fulmineo.

A finire, ieri, nel mirino dei cinque foggiani – tra rapinatori, autisti d'appoggio e ‘pali’ – un dipendente del centro commerciale di viale degli Aviatori, a Foggia, sorpreso mentre si recava in banca per consegnare l’incasso relativo agli ultimi giorni di lavoro dell’attività. Era quasi mezzogiorno, e al rapinatore di turno è bastato un colpo di taser - uno storditore elettronico - al petto del malcapitato cassiere per tramortirlo e strappargli via il l’incasso: circa 6500 euro.

Quasi un gioco da ragazzi per il 23enne Mauro Calabrice che, dopo il fatto, si è prontamente guadagnato la fuga in sella ad uno scooter, “scortato a vista” da una Lancia Y con a bordo Antonio De Sandi, di 64 anni e da un’altra vettura (una Fiat Brava con a bordo altri due pregiudicati, Raffaele Rendine di 44 anni e Nicola Manna di 53), per gli inquirenti altro veicolo “di appoggio” per il colpo. Poi, appena svoltato l’angolo, in via De Petra, il 23enne ha lasciato il ciclomotore (condotto da una quinta persona non ancora identificata) ed è salito con il bottino a bordo della Lancia Y.

Bisognava solo dividere il bottino, dunque, ma i quattro non sapevano che la polizia era già sulle loro tracce. Una pattuglia della squadra mobile di Foggia in transito lungo viale degli Aviatori, infatti, aveva notato poco prima del colpo le due vetture con a bordo “vecchie conoscenze”. Per questo si è messa subito in allerta monitorando quella zona per eventuali sviluppi. La profonda conoscenza del territorio e della città ha permesso dunque agli agenti della sezione antirapina della squadra mobile di entrare immediatamente in azione bloccando ed arrestando i responsabili  o presunti tali del fatto.

I primi due – De Sandi e Calabrice – dovranno rispondere del reato di rapina aggravata, gli altri per concorso in rapina. Al 23enne, invece, viene contestato anche il porto abusivo di arma propria per l’utilizzo del taser. Tutto il denaro sottratto è stato riconsegnato al legittimo proprietario. Tanta paura ma nessun problema di sorta, invece, per il cassiere aggredito che, refertato al pronto soccorso del Riuniti di Foggia, se la caverà con 5 giorni di prognosi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo da 6500 euro al "Brico Io" di viale degli Aviatori, quattro arresti "in diretta" | FOTO

FoggiaToday è in caricamento