Smontavano mezzi rubati, blitz dei carabinieri in un autodemolitore: tre arresti e refurtiva recuperata

Arrestati un pregiudicato di Cerignola e due stranieri incensurati, un ucraino e un marocchino. Denunciano il proprietario della ditta perché in altra area dell’azienda venivano trovati altri mezzi rubati.

L'autodemolizione dove venivano smontati i mezzi rubati

Nel corso del week-end i Carabinieri della Compagnia di Cerignola, con il prezioso supporto aereo di un elicottero del 6° Elinucleo di Bari-Palese, e terrestre di due squadriglie dello Squadrone eliportato ‘Cacciatori di Sardegna’, hanno tratto in arresto tre persone, deferendone in stato di irreperibilità ulteriori due, per ricettazione e riciclaggio di automezzi rubati.

Sono stati rinvenuti, complessivamente cinque furgoni Iveco Daily rubati a Foggia tra il 25 ed il 26 gennaio, un autocarro Scania rubato in provincia di Lecce il 18 gennaio, una Fiat 500, tre motori Mercedes e quattro motori Daily privi del codice identificativo, e per i quali sono ancora in corso accertamenti per risalire alla loro provenienza. Il valore di tutti i mezzi, alcuni parzialmente smontati, altri ancora integri, che sono comunque stati restituiti ai legittimi proprietari, si stima in oltre 100mila euro.

La doppia operazione di servizio, condotta dai militari della locale Stazione Carabinieri, ha portato dunque all’arresto di Claudio Sgaramella, cl. '95, Serhy Kondratiuk, cl. '80, e Mohamed Frishia, cl. '86, il primo pregiudicato cerignolano, e gli altri incensurati originari dell’Ucraina e del Marocco.

Gli stessi, all’interno di una ditta di autodemolizione, sono stati colti mentre smontavano parte della refurtiva. Il tentativo di fuggire, scavalcando il muro di cinta della struttura, è risultato per loro vano, atteso che l’intero perimetro aziendale era stato preventivamente circondato, oltre che controllato dall’alto grazie alla presenza dell’elicottero. Veniva denunciato, nel medesimo contesto operativo, anche il proprietario dell’attività commerciale, R.A., cl. '89, anch’egli pregiudicato cerignolano, perché in altra area dell’azienda venivano trovati altri mezzi rubati.

Tutti gli arrestati, su disposizione del P.M. di turno, sono stati rinchiusi nel carcere di Foggia. Denunciato, poi, in stato di irreperibilità anche R.C., cl. '77, pregiudicato cerignolano, perché, all’interno del suo box, sito nel quartiere San Samuele, sono stati trovati uno degli autocarri Daily, la Fiat 500, e tutti i motori già smontati, tutti con telaio e numero identificativo abrasi.

Dall’inizio dell’anno i continui controlli posti in essere dalla Compagnia Carabinieri di Cerignola hanno portato al rinvenimento di mezzi rubati per un valore di oltre 1 milione di euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento