Cronaca Cerignola

Rapinatori di banche finiscono in carcere: i colpi fruttarono 9mila e 5mila euro

Due episodi distinti, a segno rispettivamente ad Apricena e ad Aulla, hanno trovato la soluzione a Cerignola, dove i carabinieri hanno arrestato Michele Canonico, di 23 anni e Pasquale Calvio di 34

Due episodi distinti, due diverse rapine in banca messe a segno rispettivamente ad Apricena e ad Aulla, in provincia di Massa Carrara. Entrambi i casi hanno trovato la soluzione a Cerignola, dove i carabinieri del posto hanno tratto in arresto Michele Canonico, cerignolano di 23 anni e Pasquale Calvio di 34.

I due sono stati arrestati in esecuzione di due distinti ordini di carcerazione emessi rispettivamente dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa. Il primo provvedimento, riguardante Michele Canonico, è stato emesso perché il 23enne deve espiare una pena residua di 8 mesi e 23 giorni di reclusione per una rapina in banca commessa in concorso con un’altra persona il 16 novembre 2011 in Apricena e che fruttò circa 9000 euro.

Il secondo, riguardante Pasquale Calvio, invece, è stato emesso poiché lo stesso deve espiare una pena residua di 3 anni e 9 giorni di reclusione per una rapina in banca commessa il 9 aprile 2014 ad Aulla in concorso con altre due persone, durante la quale, armato di taglierino e travisato con una parrucca, asportò circa 5.000 euro da una filiale del Monte dei Paschi di Siena. I due arrestati sono stati entrambi associati alla Casa Circondariale di Foggia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinatori di banche finiscono in carcere: i colpi fruttarono 9mila e 5mila euro

FoggiaToday è in caricamento