Cronaca Cerignola

Inseguiti dalla forestale, vanno in ospedale e fingono malore: arrestati

I tre hanno eluso, più volte, l’alt imposto dagli agenti della forestale. Sono stati presi al Tatarella di Cerignola e arrestati per resistenza a pubblico ufficiale e simulazione di reato

Sono stati sorpresi mentre esercitavano attività venatoria, ma si sono dati alla fuga senza fermarsi ai numerosi segnali di alt imposti dagli agenti del Nucleo Operativo Antibracconaggio del Corpo forestale dello Stato unitamente a personale Forestale della regione Puglia. Ne è nato un lungo inseguimento ad alta velocità che si è concluso grazie all’intervento di una pattuglia dei carabinieri di Cerignola.

I tre soggetti sono accusati di resistenza a pubblico ufficiale e di simulazione di reato poiché l'inseguimento si è concluso presso il Pronto Soccorso dell'Ospedale di Cerignola, dove si erano recati dichiarando un malore per aver subìto un inseguimento ad opera di malviventi per un tentativo di rapina.

Nel corso dello stesso servizio antibracconaggio compiuto in varie località della provincia di Foggia sono state denunciate altre dieci persone: due sorprese a cacciare all'interno del Parco Nazionale del Gargano e altre otto per attività venatoria con mezzi non consentiti ed abbattimento di specie protette. Sono stati sequestrati complessivamente 50 volatili tra cui quattro esemplari di volpoca, 10 fucili da caccia con relative munizioni e 7 richiami acustici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inseguiti dalla forestale, vanno in ospedale e fingono malore: arrestati

FoggiaToday è in caricamento