Coppietta in fuga su auto rubata "sperona" carabinieri, carambola contro muretto e finisce fuori strada

Si tratta di Francesco Russo e Adriana Roberto, entrambi di Manfredonia e già noti per altri precedenti. Nella fuga hanno provocato un grave incidente con l'auto dei carabinieri: tre i militari feriti prognosi dai 10 ai 20 giorni

Immagine di repertorio

Fuga a folle velocità su un’auto rubata, ladri speronano il mezzo dei carabinieri nel tentativo di seminarli. Scene da film quelle vissute nel tardo pomeriggio di ieri, alla periferia di Cerignola, dove una coppia di giovani sipontini – 27 anni lui, 25 lei - è stata tratta in arresto per rapina e resistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di Francesco Russo e Adriana Roberto, entrambi disoccupati di Manfredonia e già noti per altri precedenti.

Il fatto risale al pomeriggio di ieri, quando la centrale operativa della compagnia carabinieri di Manfredonia ha diramato su tutta la provincia le ricerche di una Nissan Juke che era appena stata rubata ad un 53enne del luogo, proprio mentre, a Cerignola, un equipaggio dell'aliquota radiomobile del NORM della locale compagnia la vedeva transitare lungo via Manfredonia. I militari hanno subito intimato l'alt al conducente, il quale, però, anziché fermarsi pensava bene di darsi alla fuga.

Ne è quindi nato un inseguimento, attraverso tutta la zona industriale della cittadina, dove la centrale operativa, questa volta della compagnia di Cerignola, ha fatto convergere in ausilio un'altra pattuglia che ha intercettato fuggitivi. Nel tentativo disperato di seminare i militari, i due hanno esitato a speronare l'auto dei nuovi inseguitori, provocando un incidente che solo per un caso fortuito non ha avuto conseguenze drammatiche. L'auto dei militari, infatti - a causa del violentissimo impatto che ha provocato anche l'esplosione degli air-bag - ha effettuato diverse piroette, mentre quella inseguita, dopo aver carambolato contro un muretto, si è capovolta nei campi a bordo strada.

A questo punto i carabinieri, compresi quelli rimasti contusi, hanno arrestato i due, rimasti illesi e accompagnati al carcere di Foggia, mentre i militari feriti sono stati accompagnati al pronto soccorso dell'ospedale ‘Tatarella’ di Cerignola, riportando dai 10 ai 20 giorni di prognosi per traumi contusivi vari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spiegano dal Comando Provinciale dei Carabinieri: “La vicenda evidenzia contemporaneamente sia l'inutile, se non addirittura autolesiva sfrontataggine di certa delinquenza, sia la capacità di controllo del territorio da parte dell'Arma, anche in una zona così tormentata come quella interessata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: un morto anche in Capitanata, zone rosse Foggia e San Giovanni Rotondo (sedi degli ospedali Covid-19)

  • Bollettino tragico: quattro morti in provincia di Foggia, solo oggi 120 positivi al Coronavirus in Puglia

  • Chiudono le pompe di benzina e gasolio: si comincia da mercoledì: "Da soli non ce la facciamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento