Operazione ‘Pit-Stop’ nel Foggiano: sgominata banda specializzata nel riciclaggio di auto rubate

Quattro pregiudicati – un 43enne di Fasano, due cerignolani e un romeno residente ad Orta Nova – sono stati sorpresi dai finanzieri del comando provinciale di Foggia

I quattro arrestati

I finanzieri del comando provinciale di Foggia - nell’ambito di un’attività di controllo economico del territorio diretta anche alla repressione dei traffici illeciti - hanno sorpreso, a Cerignola, quattro persone intente nello smontaggio di un’autovettura Audi Q5, risultata rubata alla fine del mese di gennaio a Salve, in provincia di Lecce.

Il tempestivo intervento dei militari, condotto nelle immediate vicinanze di un capannone commerciale ubicato in un terreno agricolo difficilmente raggiungibile e con folta vegetazione, sito nei pressi della Sp 96, ha consentito di interrompere una vera e propria cannibalizzazione della vettura, attuata con l’utilizzo di attrezzature meccaniche adatte allo scopo.

Le immagini video della GdF di Foggia

Dopo aver proceduto al fermo dei quattro soggetti, V.F, di anni 26 e L.N., di anni 35,entrambi cerignolani, P.P., di anni 43, di Fasano nel brindisino e D.A.I., di anni 19, cittadino di nazionalità rumena residente a Orta Nova, i militari hanno proceduto, anche con l’ausilio di un mezzo aereo, ad una attenta e particolareggiata ricognizione dei luoghi antistanti che ha consentito altresì di individuare, in un canale del Consorzio di Bonifica della Capitanata, una vasta discarica a cielo aperto di rifiuti, rappresentati da carrozzerie di autovetture incendiate, probabilmente al fine di eliminare ogni possibile traccia di passate condotte criminose.

I circoscritti elementi investigativi, acquisiti sul luogo e nella immediatezza dei fatti, hanno indotto i finanzieri del Gruppo di Foggia ad estendere le attività di Polizia Giudiziaria sia presso l’abitazione del soggetto fasanese, sia presso il capannone commerciale attiguo al luogo dell’intervento, sede di una attività di demolizione gestita dal padre di uno degli arrestati, all’interno del quale sono stati rinvenuti numerosi pezzi di ricambio per autovetture di marca Audi di illecita provenienza ed un libretto di circolazione relativo ad un’autovettura Audi A5, anch’essa oggetto di furto nella provincia di Lecce.

Nel giardino di pertinenza dell’abitazione fasanese è stata  ritrovata un’altra autovettura Audi A5, oggetto di furto in Gallipoli, recante le targhe di una Nissan Qashqai rubata a San Nicola (LE), al cui interno, abilmente nascosta, veniva rinvenuta una pistola a tamburo Arostegui-Eibar di fabbricazione spagnola, priva di matricola e perfettamente funzionante, munita di tre cartucce calibro 10,5 mm.

Le operazioni di perquisizione della casa hanno consentito di rinvenire arnesi da scasso, chiavi di accensione e disturbatori di segnale radio ‘Jammer’, oltre ad un vero e proprio market di centraline elettroniche e pezzi di ricambio per autovetture, principalmente di marca Audi e verosimilmente di origini delittuose, per i quali P.P. non era in grado di fornire idonea documentazione attestante la provenienza. I quattro soggetti sono stati tratti in arresto in flagranza di reato ed associati alla casa circondariale di Foggia, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento