menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Magneti sui contatori per non pagare l'energia elettrica: titolari di due bar pizzicati e arrestati per furto aggravato

Furto di energia elettrica, arrestati due commercianti di Cerignola. Pizzicata anche una coppia di romeni a Stornara

Furto aggravato, per questo motivo a Cerignola due giovani commercianti tra i 30 e 40 anni, entrambi titolari di un bar, sono stati arrestati dai carabinieri del posto.

Nel corso dei controlli svolti nei giorni scorsi con il personale tecnico dell'Enel, è emerso che presso i due esercizi commerciali erano stati installati dei magneti sui contatori che alteravano sensibilmente la misurazione dell’energia elettrica prelevata, facendo risultare un consumo di molto minore rispetto a quello effettivo. Nel primo caso è emerso un furto di energia elettrica per un valore di circa 28mila euro e, nel secondo esercizio, per circa 12mila euro.

I due titolari sono stati arrestati e, dopo le formalità di rito, su disposizione della Autorità Giudiziaria, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Anche a Stornara i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per lo stesso reato, commesso in concorso, un uomo e una donna, rispettivamente di 26 e 20 anni, conviventi, entrambi romeni.

Nel corso di un controllo presso la loro abitazione i militari dell'Arma ed i tecnici Enel hanno riscontrato che i due conviventi, al fine di procurarsi indebitamente l'energia elettrica, dopo aver rimosso i sigilli del contatore avevano realizzato un allaccio abusivo alla rete, impossessandosi di energia elettrica per un valore complessivo di circa 1.500 euro.

Anch’essi, dopo le formalità di rito, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento