Ventunenne non perde il vizio dello spaccio, 47enne minaccia e aggredisce carabinieri: arrestati

Quattro arresti a Cerignola, tra cui un ragazzo recidivo, un uomo che ha minacciato a aggredito i carabinieri durante una perquisizione personale, un altro per aver evaso i domiciliari e uno per furto di energia elettrica

Foto d'archivio

Nella giornata di ieri i militari della Compagnia Carabinieri di Cerignola, coadiuvati da un velivolo del 6° Elinucleo di Bari-Palese e da un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Modugno, hanno effettuato un controllo straordinario del territorio di competenza, con particolare riguardo a quelli dei comuni di Cerignola, Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia, con l’impiego di circa 30 Carabinieri. Il bilancio totale è di sette persone arrestate, sia in flagranza che su delega dell’Autorità Giudiziaria, e di tre persone segnalate alla Prefettura di Foggia quali assuntori di hashish e cocaina. Sono state effettuate 10 perquisizioni domiciliari, controllate 87 persone e 33 autovetture, sequestrate 3 auto per mancanza della copertura assicurativa.

A Cerignola gli uomini del Nucleo Operativo hanno tratto in arresto Giovanni Diglio, cl. '96, per spaccio di cocaina. Il giovane, già arrestato qualche giorno addietro perché trovato in possesso di 800 grammi di hashish, 195 di marijuana e 9 di cocaina, questa volta è stato sorpreso nell'atto di cedere ad un assuntore, un uomo di 59 anni, una dose di cocaina del peso di circa 1 grammo. Il ragazzo, ancora incensurato, perché formalmente non ancora mai condannato per alcun reato, su disposizione del P.M. di turno è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari.

Sempre a Cerignola, gli uomini dell'Aliquota Radiomobile hanno tratto in arresto Francesco Musicco, cl. '73, pregiudicato cerignolano, attualmente sottoposto agli arresti domiciliari per furto. Gli operanti, durante un controllo ai soggetti sottoposti ad obblighi, in orario pomeridiano, lo hanno sorpreso all’esterno della proprio abitazione mentre armeggiava all’interno della propria autovettura. Lo stesso è stato sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari.

Ancora a Cerignola, e sempre gli uomini dell'Aliquota Radiomobile, hanno arrestato Donato Di Biase, cl. '70, pluripregiudicato locale. Lo stesso si era scagliato contro i carabinieri, minacciandoli anche di morte, che si erano presentati a casa sua per procedere ad una perquisizione. Il malvivente è quindi stato bloccato e, su disposizione del P.M. di turno, sottoposto agli arresti domiciliari. Dovrà rispondere di resistenza, oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale.

I militari della Stazione di Cerignola, invece, hanno tratto in arresto Michele Seccia, cl. '55, pregiudicato cerignolano. A seguito di una verifica presso la sua abitazione, unitamente a personale dell’Enel, si è potuto scoprire un allaccio abusivo alla rete elettrica, e si è accertato che il Seccia si era impossessato di energia elettrica per un valore di circa 2.500 euro. Lo stesso è stato quindi sottoposto agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento