menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La marjiuana sequestrata

La marjiuana sequestrata

I carabinieri non si fermano più: furti, droga ed estorsioni, 15 arresti

I militari dell'Arma hanno nuovamente setacciato la provincia. Altre 12 persone sono state deferite in stato di libertà

Pattuglie, elicotteri e carabinieri in ogni zona della provincia. Da quando al comando provinciale c’è il colonnello Antonio Basilicata, siamo abituati ad assistere a costanti controlli capillari del territorio che hanno l’obiettivo dichiarato di impedire quei reati inquadrati nell’ambito della ‘criminalità predatoria e diffusa’ o semplicemente relativi alla violazione della normative sulle sostanze stupefacenti e in materia di codice della strada. Sottoposti a continue verifiche sono soprattutto i quartieri più a rischio della grandi città, le piazze, i circoli e i club privati di tutti i comuni della Capitanata.

Anche questa volta i dati raccolti sono piuttosto positivi: oltre ai 15 arresti e 12 deferimenti in stato di libertà, sono state identificate 1000 persone, fermati 530 veicoli, effettuate 49 perquisizioni, sequestrati 24 veicoli e controllati 70 persone ai domiciliari o sottoposte a misure di prevenzione.

A Cerignola un 18enne è stato arrestato per aver chiesto dei soldi in cambio della restituzione delle targhe rubate ad un’autovettura. A Manfredonia una donna è stata sorpresa mentre rubava nei camerini del circo “Lidia Togni”, mentre altre due a San Severo stavano tentando un furto al Proshop di viale 2 giugno. Più incisivo il blitz avvenuto a San Giovanni Rotondo e alla San Marco in Lamis, dove i militari dell’Arma e del Nucleo Ispettorato del Lavoro hanno compiuto severi controlli in oleifici e marmerie del territorio.

A Foggia un 33enne è stato arrestato poiché nonostante fosse sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, è stato sorpreso in via Oberty alla guida di un’utilitaria. Sempre a Cerignola un 37 romeno è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza. Tra Canosa e Cerignola l’uomo stava viaggiando a bordo di un camion zigzagando e occupando spesso la corsia opposta Nonostante l’uso dei dispositivi acustici e luminosi da parte degli uomini del 112, l’autista proseguiva per poi fermare la sua corsa soltanto qualche centinaia di metri dopo. Sceso dal mezzo barcollando, con un linguaggio strano e in evidente stato confusionale, l’uomo si è rifiutato di sottoporsi al test dell’alcol e nel tentativo di risalire sul tir ha spintonato i carabinieri, che però lo hanno bloccato e ammanettato.

Un altro arresto è stato compiuto a Torremaggiore, dove B.G. classe 1979, è stato fermato a bordo di un veicolo sul quale, a seguito di perquisizione, è stato rinvenuto un barattolo contenente marijuana. Espletata la perquisizione presso l’abitazione e nel garage, i militari hanno trovato altri 6 vasetti contenenti il medesimo stupefacente ed una pianta di marijuana alta circa due metri, da poco sradicata ed in fase di essiccazione.

Tre bulgari sono stati arrestati a Casalnuovo Monterotaro dopo esser stati sorpresi all’interno di un fondo agricolo di proprietà di un 70enne intenti a raccogliere olive dagli alberi. Ne avevano raccolte già due quintali per un valore commerciale di 900 euro.

A Stornara un marocchino è finito dietro le sbarre per il reato di ricettazione. Durante un controllo presso un autoparco situato sulla strada provinciale che da Stornara porta ad Orta Nova, i carabinieri si sono insospettiti per il comportamento dell’autista di un furgone che, notata la loro presenza, ha tentato di allontanarsi. Fermato, al suo interno sono stati rinvenuti numerosi pannelli fotovoltaici risultati di oggetto di furto.

A Cagnano Varano C.M., cinquantenne del posto, è stato sorpreso in strada mentre cedeva della marijuana ad una donna. Lo spacciatore ha tentato di scappare ma è stato bloccato in prossimità della sua abitazione. La perquisizione del domicilio ha consentito di rivenire marijuana, una dose di eroina ed 1 flacone di “Metadone Cloridrato”, quest’ultimo detenuto non per terapia di recupero tossicodipendenti. Sono stati altresì rinvenuti due proiettili calibro 32 e 38 S.W. L’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Lucera, la donna segnalata all’Ufficio Territoriale del Governo quale assuntrice.

Altri due arresti sono avvenuti a Lucera e ad Ascoli Satriano. I 12 deferimenti in stato di libertà hanno riguardato tre ragazzi sannicandresi sorpresi con un cacciavite di grosse dimensioni e con della marijuana; tre trentenni che hanno ignorato l’alt loro imposto da una pattuglia dei carabinieri di San Nicandro Garganico collidendo, nel tentativo di allontanarsi, con altra autovettura.

Un 51enne deferito per spedita di monete false avendo questi consegnato ad un venditore ambulante extracomunitario una banconota di 50 euro come controvalore di un capo di abbigliamento; una 27enne di Lucera trovata alla guida della sua utilitaria in stato di alterazione psico-fisica; la titolare di uno centro per scommesse online e servizio internet controllati per aver omesso di esporre nel proprio locale la tabella dei giochi proibiti nonché violazioni alle prescrizioni della sorveglianza speciale e degli arresti domiciliari.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Attualità

Gestione dell'emergenza: la Puglia è ultima nella classifica di gradimento. Sui vaccini Emiliano "solleva Lopalco" e si affida a Lerario

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento