Armi e munizioni in casa, due arresti dei carabinieri: c'è anche la "Tigre del Gargano”

Arrestati a vario titolo di detenzione e porto abusivo di armi, Vincenzo Zitoli Pignataro, 46 anni e Luigi Trombetta, di 50. Il primo, detto "La Tigre del Gargano" fu gambizzato nella notte del 10 febbraio scorso

Dovranno rispondere a vario titolo di detenzione e porto abusivo di armi comuni da sparo. Si tratta di Vincenzo Zitoli Pignataro, quarantaseienne residente a Cagnano Varano, detto “La Tigre del Gargano”, e di Luigi Trombetta, cinquantenne residente a Carpino.

Nella mattinata di ieri, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo, unitamente a personale delle stazioni carabinieri di Cagnano Varano e Carpino e con l’ausilio di militari del Nucleo Cinofili di Tito, hanno eseguito un'ordinanza applicativa di misure coercitive del Tribunale di Foggia.

I militari operanti, nel corso della perquisizione domiciliare presso l’abitazione di Trombetta, hanno trovato e sequestrato una pistola a salve 8 mm marca “Pollice” priva di tappo rosso e modificata, 5 cartucce per fucile calibro 20 marca, 1 cartuccia calibro 22. Gli arrestati, a seguito delle formalità di rito sono stati tradotti presso la casa Circondariale di Foggia.

Zitoli Pignataro, lo ricordiamo, fu gambizzato nel febbraio scorso, in via Dante, a Cagnano. L'uomo fu raggiunto da alcuni colpi di pistola che lo ferirono alle gambe. Immediatamente trasportato all’ospedale ‘Masselli Mascia’ di San Severo, il 46enne fu sottoposto ad un intervento chirurgico per estrarre un proiettile ritenuto.

LE FOTO DEGLI ARRESTATI

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento