Rapina shock in un’abitazione: immobilizzato proprietario, carabinieri arrivano e arrestano delinquenti

E’ accaduto a Cerignola, i due bulgari risponderanno dei reati di tentata rapina in abitazione, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale

Foto da FrosinoneToday

Nottata da dimenticare quella trascorsa giovedì da un settantenne cerignolano svegliato nel pieno del sonno da alcuni rumori proveniente dal cortile dell’abitazione. Ed è stato proprio questo a salvarlo. Infatti, dopo aver constatato che i rumori erano dovuti al fatto che due malfattori stavano forzando il cancello d’ingresso della sua proprietà, l’uomo non ha perso tempo e ha tempestivamente chiamato il 112, pochi attimi prima che i due malfattori lo immobilizzassero all’interno della sua casa.

Le manette ai polsi, dunque, sono scattate per Alper Yumgrov e Ivanov Caciof, bulgari classe 1980 e 1979. Gli uomini aveva fatto irruzione nell’abitazione allo scopo di impossessarsi di tutto quanto potesse avere valore. Dopo averla immobilizzata, hanno minacciato duramente la loro povera vittima, gettando all’aria tutto quello che si trovavano a portata di mano allo scopo di intimorirla, fino a quando i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del NORM, giunti sul posto in pochissimi minuti,  li hanno bloccati e dichiarati in arresto dopo una brusca colluttazione

La vittima, oltre al comprensibile spavento, ha riportato alcune contusioni su varie parti del corpo giudicate guaribili in 10 giorni, mentre i due delinquenti, su disposizione del P.M. di turno, sono stati rinchiusi nel carcere di Foggia. Risponderanno dei reati di tentata rapina in abitazione, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale. L'episodio, va sottolineato, non ha avuto più gravi conseguenze per la vittima solo grazie alla sua prontezza nel dare l'allarme. I servizi di perlustrazione, costantemente in circuito, hanno fatto il resto, ma la tempestività della segnalazione rimane determinante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento