Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Bologna, fermato con la scusa del “fumo” e rapinato: vittima un foggiano

Il 48enne foggiano aveva annuito alla richiesta, ma è stato aggredito e derubato. Due algerini di 30 e 34 anni sono stati arrestati dalla polizia

Brutta avventura per un 48enne foggiano, che a Bologna è stato avvicinato da tre uomini e una donna nordafricani che prima di aggredirlo gli hanno chiesto se volesse acquistare del fumo. Il malcapitato ha annuito, ma è stato spintonato e gettato a terra proprio mentre stava tirando fuori il portafogli, preso dagli aggressori insieme al giubbotto e al telefonino. Fortunatamente i rapinatori non hanno infierito sulla vittima, che dopo aver raggiunto un bar di via Zamboni, ha allertato la polizia fornendo una descrizione dettagliata dei suoi aggressori, due dei quali – algerini di 34 e 30 anni – con precedenti e irregolari – sono stati fermati e arrestati per rapina in concorso e lesioni.

La vittima ha così raggiunto un bar, in via Zamboni, e da qui ha allertato la polizia, fornendo una descrizione dettagliata degli aggressori. Due di questi sono infatti stati rintracciati poco dopo dagli agenti, su via San Vitale. Con loro non avevano la refurtiva, probabilmente finita nelle mani degli altri due complici, di cui si sono perse le tracce. I fermati - due algerini di 34 e 30 anni, entrambi con precedenti e irregolari sul territorio  - sono stati arrestati per rapina in concorso e lesioni“. Il 48enne foggiano nella caduta ha riportato una ferita alla fronte, ragion per cui è stato trasportato in ospedale, prima di essere dimesso con 7 giorni di prognosi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bologna, fermato con la scusa del “fumo” e rapinato: vittima un foggiano

FoggiaToday è in caricamento