Raffica di furti di auto in ospedale e nei parcheggi 'park & ride': i mezzi smontati finivano a Foggia

E' quanto scoperto dagli agenti della Polizia Stradale di Bari che ha concluso una importante operazione finalizzata al contrasto dell'odioso fenomeno dei furti di auto e delle estorsioni attraverso 'cavallo di ritorno'. Sei gli arresti

Immagine di repertorio

Abilmente smontate e ridotte in pezzi e singoli complementi, le auto rubate nei parcheggi del Barese venivano in parte smaltite in zona, in parte finivano in provincia di Foggia, dove venivano immesse nel mercato parallelo grazie alla compiacenza di rivendite compiacenti.

E' quanto scoperto dagli agenti della Polizia Stradale di Bari, che all'esito dell'Operazione Park&Ride hanno ricostruito la 'filiera' dei furti di auto, giungendo all'arresto di 6 soggetti, che dovranno rispondere, a vario titolo, dei reati di associazione a delinquere finalizzata al furto, alla ricettazione ed al riciclaggio di veicoli.

I soggetti coinvolti - tutti baresi - sono destinatari di una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Bari, dr. Marco Galesi, su richiesta della locale Procura della Repubblica. Le indagini sono state condotte dal Pubblico Ministero Grazia Errede ed effettuate dai poliziotti della squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale di Bari e della sottosezione di Bari Sud.

Le persone colpite dal provvedimento sono ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al furto, alla ricettazione ed al riciclaggio di veicoli asportati a Bari e nei comuni limitrofi. Talvolta si sono verificati episodi di estorsione nella forma del cosiddetto “cavallo di ritorno”. Le indagini, avviate nel mese di aprile 2017 per contrastare il fenomeno del furto di veicoli, si sono protratte per circa dieci mesi ed hanno avuto inizio a seguito dell’analisi incrociata delle denunce di furto e delle immagini delle telecamere di videosorveglianza dislocate sul territorio cui si sono aggiunte, nel prosieguo, attività investigative di carattere tecnico. 

Nel corso delle indagini sono stati individuati, recuperati e restituiti ai legittimi proprietari circa 80 veicoli o parti di essi, sottratti dall’organizzazione criminale prevalentemente presso i parcheggi pubblici 'park & ride', ovvero presso i parcheggi dei nosocomi cittadini (Policlinico, Di Venere, Giovanni XXIII e Mater Dei); in questi ultimi casi gli arrestati sfruttavano la scarsa attenzione prestata alle autovetture da parte dei  proprietari, coinvolti emotivamente da problematiche gravose riguardanti la salute.

L’attività d’indagine ha dimostrato che le 6 persone si sono dedicate all’attività illecita con frequenza quotidiana, agendo anche  più volte nell’arco della stessa giornata, evidenziando un elevato grado di “professionalità”; riuscivano infatti ad individuare ed asportare con estrema facilità le autovetture parcheggiate sulla pubblica via, sottraendole agli eventuali controlli da parte delle Forze dell’Ordine, “ricoverandole” temporaneamente presso numerosi nascondigli nella loro disponibilità.

E’ stato acclarato che parte dei veicoli sottratti avevano come destinazione finale la reimmissione sul mercato parallelo della commercializzazione dei pezzi di ricambio, presso compiacenti rivendite ubicate a Bari e nel foggiano.

Potrebbe interessarti

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Incidente mortale a Foggia, scontro tra un'auto e un motorino: la vittima ha 15 anni

  • Maxi concorso per infermieri, come per gli Oss a Foggia: 1000 i posti disponibili in Puglia

  • Frontale auto-moto nei pressi del Comune, la due-ruote scivola e investe due persone: tre feriti

  • Cerignola in angoscia per i sei ragazzini investiti: falciati da un'auto sul 'circuito', due sono in rianimazione. Metta: "Preghiamo"

  • Roberta non è morta strangolata: i funerali forse venerdì, a San Severo sarà lutto cittadino

Torna su
FoggiaToday è in caricamento