Rubano l'auto ad un bracciante, vicino 'intercede' ma lui denuncia il "cavallo di ritorno": due arresti

E' accaduto ad Apricena, dove un bracciante è stato derubato dell'unico mezzo in suo possesso necessario per lavorare. Raccolta la denuncia, i carabinieri hanno individuato ed arrestato due soggetti del posto, già noti alle forze dell'ordine

Immagine di repertorio

Rubano l'auto ad un bracciante agricolo, poi gli chiedono denaro per la restituzione: due arresti per il "cavallo di ritorno" messo in atto da due pregiudicati di Apricena. Il contrasto al fenomeno dei furti di autovetture con "restituzione su riscatto" è un problema al quale l’Arma dedica sempre la massima attenzione e per il quale è sempre auspicata la collaborazione delle vittime per inchiodare alle proprie responsabilità criminali senza scrupoli, che non hanno alcuna remora nel mettere in difficoltà, in moltissimi casi, onesti lavoratori che hanno assoluta necessità del loro veicolo per le quotidiane necessità professionali e famigliari.

Aggiornamento: assolto Salvatore Cuturi

È questo il caso di un bracciante agricolo di Apricena al quale nel marzo scorso avevano rubato il veicolo commerciale, lasciato parcheggiato nelle vicinanze di casa. Dopo qualche giorno il malcapitato era stato avvicinato, in modo alquanto sospetto, addirittura da un vicino di casa che, manifestandosi dispiaciuto per il furto dell’unico veicolo che aveva per andare a lavorare, si era viscidamente proposto per far intercedere "qualcuno" per farglielo restituire. La vittima, inizialmente intimorita da tale atteggiamento, aveva però deciso, dimostrando grande forza d’animo, di denunciare tutto ai Carabinieri del Comando Stazione di Apricena che, con l’ausilio di personale del N.O.R.M., hanno così immediatamente avviato una e complessa serie di accertamenti finalizzati ad individuare compiutamente gli autori di quello che si sarebbe rivelato essere il classico caso di “cavallo di ritorno”.

I militari, infatti, grazie alle indicazioni fornite, sono successivamente riusciti a recuperare il veicolo e ad accertare la responsabilità di due pregiudicati del posto, già ben conosciuti, Michele Limosani e Salvatore Cuturi, rispettivamente dell'’86 e del ’73, che ieri sono finalmente stati arrestati dagli stessi militari della locale Stazione, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica, che aveva pienamente condiviso i riscontri investigativi refertati. Gli arrestati, al termine degli accertamenti di rito, sono stati accompagnati presso le rispettive abitazioni agli arresti domiciliari, e dovranno rispondere di estorsione e ricettazione continuati aggravati ed in concorso. Ancora una volta la collaborazione della vittima è stata di fondamentale importanza per individuare e colpire gli autori di una così intollerabile dimostrazione di criminale protervia.

Potrebbe interessarti

  • Peschici, un paradiso rovinato dal degrado: "L'inciviltà regna sovrana e subiamo i postumi delle notti brave"

I più letti della settimana

  • "Rara e dubbia presentazione clinica" del nascituro. La direzione del 'Riuniti' precisa: "Nessun abbaglio, adottata la corretta procedura"

  • Incredibile agli Ospedali Riuniti di Foggia: medici sbagliano il sesso di un neonato, genitori sotto shock

  • Dramma sfiorato a Peschici: rischia di soffocare al ristorante, salvato da un turista. "Maurizio, sei un eroe!"

  • Rissa di Ferragosto in pieno centro: scoppia lite tra due uomini, uno si scaglia contro gli agenti. Arrestato

  • Incidente stradale a Foggia, scontro frontale tra due auto in viale Fortore: cinque feriti

  • Prima il litigio, poi la violenza: uomo accoltellato in via San Severo, polizia interroga una donna

Torna su
FoggiaToday è in caricamento