menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corruzione Asp, nomina mai eseguita: archiviate le indagini per Angelo e Napoleone Cera, Emiliano e Ruggeri

L’ipotesi accusatoria faceva riferimento alla nomina - che non è mai avvenuta - del commissario della Asp ‘Castriota e Corropoli’ di Chieuti

Il gip del Tribunale di Foggia ha archiviato le indagini in merito al procedimento per il quale erano stati indagati con l'accusa di corruzione in concorso il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, difeso dall'avvocato Gaetano Sassanelli, l’ex assessore regionale al Welfare Salvatore Ruggeri, difeso dai legali Gianluca Ursitti e Salvatore Corrado, Angelo e Napoleone Cera, l'ex parlamentare ed ex consigliere regionale difesi dagli avvocati Francesco Paolo Sisto, Pasquale Spagnoli e Michele Curtotti.

L’ipotesi accusatoria faceva riferimento alla nomina - che non è mai avvenuta - del commissario della Asp ‘Castriota e Corropoli’ di Chieuti.

Il gip ha riconosciuto l’insussistenza delle accuse, vale a dire che gli accordi politici nulla avevano avuto a che fare con la nomina.

Emiliano era accusato di aver acconsentito, in termini di sola promessa in quanto il decreto di nomina non fu mai firmato, “a rinunciare ad una autonoma valutazione e a una imparziale comparazione degli interessi in gioco, con particolare riferimento alla individuazione del soggetto maggiormente idoneo a svolgere le funzioni di commissario dell’Asp, per ricevere una ipotizzata utilità consistente nell’appoggio elettorale e la presentazione di liste di candidati a supporto dei Cera a vantaggio del candidato sindaco di San Severo, vicino al presidente della Regione”.

L’assessore Ruggeri era accusato di aver fatto da tramite tra Michele Emiliano e i Cera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento