Cronaca San Marco in Lamis

Antonio Totta licenziato dalla SITA perché sindacalista

Il 49enne autista di San Marco in Lamis non lavora più dal 30 ottobre scorso. Sposato e padre di due figli, chiede giustizia e il reintegro in altra mansione

Far parte di un sindacato paradossalmente può essere controproducente. Lo sa bene Antonio Totta, ex autista della Sita licenziato due mesi fa e mai più reintegrato dall’azienda per la quale ha lavorato con passione, impegno e dedizione per ventisei anni fino al 30 ottobre scorso. I colleghi di lavoro lo descrivono come uno dei migliori autisti in circolazione.


Sottoposto ad una normale visita medica che si svolge annualmente, l’autista di San Marco in Lamis è stato giudicato inidoneo all’attività professionale.


CRONACA - Il 49enne, sposato e padre di due figli, sta vivendo un vero e proprio calvario. Lo scorso mese di settembre era stato già giudicato non idoneo da una commissione che successivamente lo ha subito reintegrato. Il 27 ottobre Totta viene sottoposto a nuova visita di controllo e il 30 mattina invia un fax all’azienda per avere dei chiarimenti in merito al documento di valutazione rischi della precedente visita.Qualche ora dopo la Sita gli comunica la sua inidoneità e il 2 novembre lo esonera perché non vi sono altre mansioni da ricoprire. Circolano indiscrezioni sul fatto che in realtà i posti ci siano, considerando che un dipendente è appena deceduto, mentre un altro è andato in pensione. Il 23 dello stesso mese Totta si sottopone a nuova visita a Roma presso la centrale Direzione Sanitaria, ma il 6 dicembre l’azienda gli comunica l’esonero definitivo.


Antonio Totta fa parte del sindacato RdB, scomodo alla SITA Spa. Sembra essere questa la vera ragione del suo licenziamento.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antonio Totta licenziato dalla SITA perché sindacalista

FoggiaToday è in caricamento