Il colonnello Basilicata a Roma con un 'bagaglio' foggiano: "Ho fatto tutto il possibile"

Dopo quattro anni in Capitanata, il comandante provinciale dei carabinieri di Foggia è pronto a lasciare questa provincia senza rimpianti: "So di aver fatto tutto il possibile per questo il territorio"

Antonio Basilicata

Il territorio di Foggia è stato una ‘sfida’. E dopo quattro anni in Capitanata, il colonnello Antonio Basilicata, comandante provinciale dei carabinieri di Foggia, è pronto a lasciare questa provincia senza rimpianti. “So di aver fatto tutto il possibile per questo il territorio”, ha spiegato durante il suo congedo. “Un impegno iniziato con la stagione del ‘tolleranza zero’”, ha ricordato. Ovvero, una azione fosse corrisposta al territorio sia nella fase preventiva che in quella repressiva dei reati.

LE PARLE DEL COL. BASILICATA: IL VIDEO

Al fine di rendere più efficace l’azione di contrasto al crimine in una provincia così vasta come è quella di Foggia, sono stati perseguiti obiettivi strategici in materia di criminalità organizzata e tutela della circolazione stradale e con il compito di assicurare un adeguato e capillare controllo sulle principali arterie d’ingresso alle città, finalizzato ovviamente anche alla prevenzione e repressione di comportamenti illeciti sotto il profilo penale, sono stati disposti innumerevoli servizi a largo raggio.

IL 'METODO BASILICATA'

“A Foggia è stata un’esperienza intensissima e altamente formativa, sia a livello umano che professionale”, spiega Basilicata. Un bagaglio importante, dunque, quello foggiano, che il colonnello (Carabinieri: Antonio Basilicata lascia Foggiain realtà, è stato promosso generale, ma l'ufficialità del grado arriverà proprio con il trasferimento) porterà con sé a Roma, dove è stato chiamato a ricoprire un prestigioso incarico alla Direzione Investigativa Antimafia.

DA 'CORONA' A BLACK LAND: LE OPERAZIONI DI BASILICATA

E dalla Capitatale, assicura, guarderà con particolare attenzione al territorio di Capitanata, con le sue difficoltà e criticità. “Sono stati anni molti intensi. Una grande esperienza di lavoro in un territorio molto delicato. Ricorderò tutte le operazioni messe a segno in questo territorio, ma sono particolarmente fiero della risoluzione di due omicidi cruenti, messi a segno in abitazione rispettivamente a Carpino e a San Severo. Credo sia il reato peggiore in assoluto: la violazione della proprietà privata, con aggressione, poi sfociata in omicidio". Al colonnello Antonio Basilicata subentrerà il colonnello Marco Aquilio, 45 anni, che ha avuto quale ultimo incarico il Comando del Nucleo Investigativo del Gruppo carabinieri di Roma – Frascati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: primo caso di Coronavirus in Puglia

  • Terribile incidente nel Foggiano: morto 42enne. Dopo il violento impatto, l'auto si è ribaltata ed è finita fuori strada

  • Tampone su un paziente, si attendono i risultati: quarantena provvisoria per i sanitari entrati in contatto col soggetto

  • In Puglia 5 casi con sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus: chi rientra a casa dalle zone rosse deve comunicarlo

  • Coronavirus: altri due casi in Puglia, sono la moglie e il fratello del 'Paziente 1' della provincia di Taranto

  • Scacco matto alla pericolosa 'Banda del Buco', otto arresti tra Foggia e San Severo: i nomi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento