Cronaca

Non c’è più tempo da perdere: nella Capitanata ‘criminale’ servono l’Anticrimine e la DIA

Queste le richieste fatte dal presidente della Provincia di Foggia e sindaco di San Severo, Francesco Miglio, nell'incontro di Roma

Questa mattina a Roma, Francesco Miglio, in qualità di sindaco di San Severo e presidente della Provincia di Foggia, ha formulato al ministro Marco Minniti importanti richieste a seguito  della recrudescenza del fenomeno criminoso nella città dell’Alto Tavoliere e più in generale nell’intera Capitanata.

LE RICHIESTE DI MIGLIO

La richiesta risale però a poco meno di un anno fa quando Miglio chiese ad Alfano l’istituzione in provincia di Foggia di un Reparto di Prevenzione Crimine della Polizia di Stato,  per un’azione maggiormente incisiva in termini di controllo del territorio, tanto da conferire un valido supporto alla già lodevole attività espletata dalla Prefettura e dalle Forze dell’Ordine.

APPELLO-VIDEO DI MIGLIO

Miglio, nel suo intervento, ha chiesto anche l’istituzione di una Sezione DIA a Foggia per contrastare la criminalità organizzata ed in subordine l’incremento del personale della Sezione Criminalità Organizzata della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri.

Interessanti anche la proposte di un progetto pilota per un’unica sala operativa  capace di coordinare sul territorio le pattuglie della Polizia Municipale, della Guardia di Finanza e di altri servizi della Polizia e dell’attuazione del protocollo di intesa contro il caporalato nel settore dell’agricoltura.

Un anno fa in commissione Antimafia, Michele Emiliano si era detto favorevole alla proposta presentata dai consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle sull'istituzione di una sede della Direzione Investigativa Antimafia nel capoluogo dauno. 

DIA, BARONE: "COS'ALTRO DEVE ACCADERE?"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non c’è più tempo da perdere: nella Capitanata ‘criminale’ servono l’Anticrimine e la DIA

FoggiaToday è in caricamento