Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strage di mafia, il Gargano ricorda Luigi e Aurelio Luciani: “E’ iniziata una rivoluzione. Non dobbiamo fermarci adesso"

Tre anni fa, i due agricoltori di San Marco in Lamis furono assassinati durante l’agguato teso al boss Mario Luciano Romito e al cognato Matteo De Palma

 

Un ricordo commosso e un lungo applauso per ricordare i fratelli Luigi e Aurelio Luciani, vittime innocenti di mafia. Tre anni fa, i due agricoltori di San Marco in Lamis furono assassinati sotto il sole cocente di agosto, durante l’agguato teso al boss Mario Luciano Romito e al suo autista e guardaspalle, il cognato Matteo De Palma. Da allora tutto è cambiato: “E’ iniziata una rivoluzione. Non possiamo fermarci adesso”, spiega Arcangela, vedova di Luigi. “In questa rivoluzione sono presenti tanti ragazzi, che nonostante la giovane età, a differenza di tanti adulti, hanno già deciso da che parte stare. Questa terra non è più invisibile. Non siamo più invisibili: ora tutti conoscono la nostra rabbia, il nostro dolore, la nostra voglia di vivere” | IL VIDEO

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento