Cronaca

Francesco Positano, 11 anni fa la morte ancora impunita del caporal maggiore di Foggia: 8 militari a giudizio, processo al via in ottobre

Seguita dalle avvocatesse Annarita Antonetti e Lucia Frazzano, la famiglia Positano è in attesa dell'inizio del processo a carico di 8 militari. Il processo inizierà in autunno, ad ottobre, dinanzi al giudice del Tribunale di Roma, competente per i reati commessi in ambito internazionale

Francesco Positano

Sono passati 11 anni dalla morte del caporal maggiore Francesco Saverio Positano, militare foggiano impegnato in una missione di pace in Afghanistan.

A ricordarlo, con una cerimonia religiosa, sono stati i familiari del giovane militare che, in tutti questi anni, si sono strenuamente battuti per perseguire la verità, senza mai arrendersi all'idea che Francesco fosse morto in seguito ad una caduta - accidentale o conseguente ad un malore - da un mezzo militare Buffalo.

Seguita dalle avvocatesse del Foro di Foggia, Annarita Antonetti e Lucia Frazzano, la famiglia Positano è in attesa dell'inizio del processo a carico di 8 militari, due dei quali accusati di omicidio colposo, gli altri per falsa informazione a Pubblico Ministero. Il processo inizierà in autunno, ad ottobre, dinanzi al giudice del Tribunale di Roma, competente per i reati commessi in ambito internazionale.

Un risultato, quello del rinvio a giudizio, che la famiglia del caporal maggiore deceduto a pochi chilometri da Herat, ha centrato dopo una battaglia lunga oltre 10 anni, cercando di ricostruire a ritroso, attraverso i legali, il possibile scenario nel quale è avvenuto il decesso. Tutto ciò partendo solo da uno stringato certificato di morte, scritto in inglese, giunto dall'Afghanistan.

La causa più plausibile è l'investimento, seppur accidentale, del militare. E a corroborare la tesi sono giunte, nel tempo, anche le immagini scattate sul luogo della tragedia e le risultanze degli esami dei Ris che smentiscono quanto dichiarato per anni dai testimoni: Francesco non cadde dal mezzo, battendo fatalmente la testa al suolo, questa la tesi da smentire; con molta probabilità, fu investito dal mezzo militare e, con precisione, dalla ruota anteriore destra, che fu immediatamente ripulita.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francesco Positano, 11 anni fa la morte ancora impunita del caporal maggiore di Foggia: 8 militari a giudizio, processo al via in ottobre

FoggiaToday è in caricamento