"Pagina di buona sanità". Fino a 16 ambulanze nella notte davanti ai Riuniti. Dattoli: "Pronto soccorso ha reagito bene"

Ambulanze che trasportavano pazienti in attesa di capire se fossero affetti da Covid o meno e che non hanno mai raggiunto il numero di 16 contemporaneamente

"Questa è una pagina di buona sanità, di reazioni adeguate, il simbolo del plus valore: quando una situazione difficile viene gestita con mezzi e personale in grado di governare anche lo ‘straordinario’, allora si può parlare a ragion veduta di una professionale risposta al bisogno di salute". Così il direttore generale del Policlinico Riuniti di Foggia, Vitangelo Dattoli, commenta l’episodio dell’attesa in fila di ambulanze davanti all’ingresso del pronto soccorso dell’azienda ospedaliera foggiana avvenuta la scorsa notte. Ambulanze che trasportavano pazienti in attesa di capire se fossero affetti da Covid o meno e che non hanno mai raggiunto il numero di 16 contemporaneamente.

Immagini che devono aver colpito molto i cittadini foggiani, giustamente impensieriti dagli allarmanti dati epidemiologici sui contagi che quotidianamente la Regione Puglia divulga per informare sull’andamento della pandemia.

Il Policlinico Riuniti, ricordiamo, è hub covid del capoluogo foggiano e provincia e come tale assorbe un ampio bacino di utenza che si riversa nel centro ospedaliero con cospicue sacche di pazienti: questo determina, comprensibilmente, un iperafflusso che incide sulle attività già sotto pressione dell’ospedale, in questi mesi super accelerate per gestire le urgenze Covid.

La capacità di reazione e cura dei pazienti in attesa di essere visitati è stata all’altezza della situazione poiché il flusso è stato assorbito nei tempi tecnici per prendere in carico il paziente, stabilirne la gravità, consentirgli l’effettuazione del tampone, assegnarlo al reparto e assisterlo, tutto moltiplicato per decine di interventi richiesti.

La situazione al Riuniti è rientrata nei normali parametri di ordinario controllo sanitario.

"Il pronto soccorso e tutta la struttura ha reagito bene – prosegue Dattoli – e nel giro di poche ore ha fatto defluire le ambulanze: un iperafflusso, ricordiamo, in parte legato alla stagionalità e in parte al Covid. È pacifico che l’attenzione deve essere sempre alta e in questo lavoro in team è giusto menzionare l’ottimo lavoro della Asl di Foggia per l’intervento sulle aree Covid negli ospedali di San Severo, Cerignola e nell’ospedale di San Giovanni Rotondo: il Policlinico Riuniti insieme al sistema provinciale ha retto benissimo in questa emergenza. Naturalmente fantastico il lavoro di tutto il personale sanitario coinvolto che ancora una volta ha dimostrato di essere all’altezza del gravoso e delicato compito di ‘reggere’ il peso della pandemia".

Il Policlinico ha già avviato da tempo il reclutamento di personale e continuerà ad attingere alla graduatoria per integrare gli organici e quindi posizionare il sistema sanitario per raggiungere entro il 30 novembre/1 dicembre un assetto impostato sul peggior scenario possibile che auspichiamo non si realizzi ma che qualora dovesse realizzarsi sarà fronteggiato adeguatamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • La Puglia diventa gialla: da domenica riaprono bar e ristoranti (fino alle 18) e via libera agli spostamenti tra comuni

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

Torna su
FoggiaToday è in caricamento