Cronaca

Aziende agricole spazzate via dall'alluvione, sott'acqua e fuori uso. Il sindaco di Rignano: "La situazione è brutta"

Nel tratto di strada che collega la sp 28 alla sp 26, ci sono aziende agricole sott’acqua, decine quelle fuori uso. E abitazioni sulla pedemontana isolate: “La situazione è brutta, stanno arrivando mezzi della protezione civile regionale, la provincia ha cominciato ieri sera”

A Foggiatoday il sindaco di Rignano Garganico non nasconde l’amarezza e la preoccupazione per quanto accaduto ieri 19 luglio nel centro più piccolo della Montagna del Sole, la cui economia si regge perlopiù sull’agricoltura e sul lavoro incessante di proprietari agricoli, imprenditori e braccianti, i più colpiti dall’alluvione di ieri che ha creato danni ingenti anche alla vicina San Marco in Lamis.

Le immagini degli allagamenti dall'alto

Il tempo è in leggero miglioramento. Questa mattina è cominciata la stima dei danni. Ci sono strade provinciali chiuse, comunali percorribili a passo d’uomo. Sulle Sp 22 e 28 la furia dell’acqua ha divelto il manto stradale e creato smottamenti e crateri. I tratturi intercomunali che collegano le aziende agricole – peraltro asfaltati di recente – non ci sono più.

Nel tratto di strada che collega la sp 28 alla sp 26, ci sono aziende agricole sott’acqua, decine quelle fuori uso. E abitazioni sulla pedemontana isolate: “La situazione è brutta, stanno arrivando mezzi messi a disposizione della protezione civile regionale, la provincia ha cominciato ieri sera”

Ieri le squadre d'assetto per il soccorso acquativo dei vigili del fuoco, hanno tratto in salvo alcune persone in difficoltà, veicoli sommersi o in panne lungo la Sp 28 Pedegarganica. Problemi alla viabilità si sono verificati anche sulla Sp 22.


 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aziende agricole spazzate via dall'alluvione, sott'acqua e fuori uso. Il sindaco di Rignano: "La situazione è brutta"

FoggiaToday è in caricamento