Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

San Marco e Rignano provano a rialzarsi dopo l'alluvione: al via i lavori. Il sindaco Di Fiore: "Chiederemo stato di emergenza"

Sono cominciati i lavori dopo l'alluvione del 19 luglio a San Marco in Lamis e a Rignano Garganico. Oggi attesa la visita del capo regionale della protezione civile. Duramente colpita la provinciale 26 e la Pedegarganica

San Marco in Lamis (leggi qui) e Rignano Garganico (leggi qui) provano a riprendersi dall’alluvione del 19 luglio scorso. La città dei due conventi a rialzarsi per l’ennesima volta. Questa mattina, alle 7.30, sono cominciati i lavori in via Dante Alighieri, tra le strade più colpite, per c

onsentire i lavori del rifacimento del manto stradale. Ieri il sindaco Michele Merla ha ricevuto la visita istituzionale di Rosario Cusmai delegato del Presidente Emiliano agli Enti locali.

Ad horas, nel comune più piccolo della Montagna del Sole, cominceranno i lavori di pulizia delle strade comunali piene di fango e detriti. Da lunedì partiranno i lavori di messa in sicurezza di quelle arterie “letteralmente"scoppiate" per la furia dell'acqua” sottolinea il sindaco Luigi Di Fiore.

Dopo il sopralluogo del presidente della provincia di Foggia, Nicola Gatta, nelle campagne di Villanova sede di almeno una trentina di aziende agricole e zootecniche colpite dalla furia dell’acqua, per danni che si aggirerebbero intorno ai 10 milioni di euro, sono attesi il capo dipartimento della Protezione Civile regionale e del vicepresidente regionale Raffaele Piemontese, ai quali il primo cittadino chiederà lo stato di emergenza. “Solo così potremo iniziare, subito, a dare respiro agli amici imprenditori che hanno vissuto questo incubo e hanno necessità impellenti di aiuti per ripartire e dotare il territorio di strade sicure” tuona Di Fiore.

Già ieri erano state effettuate le operazioni di messa in sicurezza e pulizia di detriti portati a valle dalla furia dell'acqua. Il comune di Rignano Garganico ha messo a disposizione delle aziende che hanno subito danni un numero di telefono al quale chiamare per segnalare eventuali necessità di pulizia di strade e altro da detriti e fango.

Hanno riportato danni ingenti al manto stradale la Pedegarganica e la strada provinciale 26 che collega San Marco in Lamis a Foggia, soprattutto nel primo tratto tra Borgo Celano e Calderoso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Marco e Rignano provano a rialzarsi dopo l'alluvione: al via i lavori. Il sindaco Di Fiore: "Chiederemo stato di emergenza"

FoggiaToday è in caricamento