Morte Musacchio: il saluto dei colleghi dell’Aeronautica ad Alessandro

"La forza armata perde un pilastro, ma il suo operato, il suo esempio farà da motore per tutti. Questo non è il nostro addio ma il nostro arrivederci. Ciao Alessandro"

Alessandro Musacchio

“Chi salva una vita salva il mondo intero" cosi recita un famoso attore hollywoodiano in uno dei tanti film da oscar.

Ed è proprio una vita da oscar, quella di Alessandro, il primo maresciallo Musacchio, aerosoccorritore del 15° Stormo in forza presso l'81° centro addestramento equipaggi di Cervia.

Una realtà di vita fatta di impegno, preparazione, dedizione al lavoro e alla famiglia. Una persona speciale, ma soprattutto umile, che con la battuta sempre pronta e un sorriso simpatico otteneva il rispetto di tutti.

Questo era ed è tuttora Alessandro per tutti i suoi colleghi e per L'Aeronautica intera. Sincero nel comportamento e leale nell’animo, sognatore senza eccessi, cercando solo di migliorare  senza mai   prevaricare nessuno.

Arruolatosi giovanissimo, aveva scelto subito di investire le proprie energie per un lavoro particolare, riservato a pochi uomini, fatti di poche parole, ma concreti. Lavoro che consisteva nel salvare vite umane, ovunque esse si fossero trovate, sia in mare che in montagna.

Aveva guadagnato il rispetto di tutti attraverso le sue imprese di soccorso, tutte portate a termine; dall'alluvione in Piemonte nel 93 e nel 2000, dove aveva recuperato 50 persone dai tetti delle case, il recupero in mare del ricercatore Montalbini, le missioni a  favore dei terremotati dell'Aquila e più recentemente quello in Emilia. Le missioni di pace in Somalia, Albania, Kosovo e poi in Iraq.

Aveva partecipato con eccellente esito a molti corsi di formazione sia in Italia che all'estero, ricevendo elogi ed encomi per il suo operato. Per la sua preparazione ed esperienza acquisita nel tempo, veniva chiamato "capo team" da tutti , comandante compreso.

Dopo il trasferimento sulla base di Cervia nel 2010 non era stato difficile per il comandante dello Stormo affidargli la gestione del Nucleo aerosoccorritori del centro addestramento equipaggi. Compito delicato e di grossa responsabilità, ma che Alessandro portava avanti senza risparmiarsi. Un Uomo, un padre, un marito, un amico che mancherà a tutti. La forza armata perde un pilastro, ma il suo operato, il suo esempio farà da motore per tutti. Questo non è il nostro addio ma il nostro arrivederci. Ciao Alessandro.

 

 

 

 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento